Aperta la Garderie d’enface a Sarre: posti ancora disponibili

Il nuovo servizio, che trova spazio nell'edificio scolastico in frazione Montan, si affianca al servizio di asilo nido e prevede orari di accoglienza molto più flessibili per andare incontro alle diverse esigenze dei genitori.
Il Municipio di Sarre
Società
Dal 1° settembre è in funzione nel comune di Sarre la nuova Garderie d’enfance, che trova spazio nell’edificio scolastico in frazione Montan.
Rispetto agli asili nido, che offrono un servizio con fruizione continuativa per il periodo giornaliero di permanenza, la garderie permette una frequenza flessibile, senza la somministrazione del pasto. Questo permettere la soddisfazione di esigenze più diversificate, portando la naturale capacità di risposta anche a numeri più importanti rispetto a quelli previsti. “Si tratta – spiega il sindaco Roberto Valletdi un servizio per la prima infanzia che si affianca al servizio di asilo nido e che, rispetto a quest’ultimo, prevede orari di accoglienza molto più flessibili e si rivolge a quei genitori che non hanno problematiche legate ad un lavoro a tempo pieno, bensì con esigenze più articolate nel corso della giornata”. “Al momento – conclude Roberto Vallet – risultano ancora disponibili dei posti e coloro che fossero eventualmente interessati potranno recarsi presso l’ufficio socio-assistenziale del Comune per sottoscrivere la relativa richiesta e prendere successivamente contatto con la cooperativa, alla quale è stata affidata la gestione del servizio, per concordare le modalità di inserimento dei minori”.
A gestire il servizio nella fase di avvio sarà per un anno la Cooperativa La Libellula, che già ha in carico la conduzione dell’asilo nido. L’investimento complessivo a carico dell’amministrazione comunale è stato di 80 mila euro.

La Giunta comunale di Sarre ha approvato, inoltre, il finanziamento dei corsi sportivi extrascolastici rivolti agli alunni frequentanti le scuole primarie e dell’infanzia nel corso del prossimo anno scolastico 2008/2009. “Così come avvenuto nel corso degli anni passati – precisa il sindaco Roberto Vallet – l’amministrazione comunale interverrà con un contributo pari al 25% del costo di ogni singolo corso, organizzato da parte delle associazioni sportive presenti sul territorio e da parte del Comune di Aosta, a favore degli alunni residenti nel Comune di Sarre”. I corsi organizzati dal Comune di Aosta saranno oggetto di sostegno solo in assenza di analogo corso organizzato sul territorio, mentre per quanto concerne i corsi rivolti ai minori portatori di handicap, l’intervento sarà pari al 50% del costo degli stessi.La quota individuale massima di ogni corso cui il comune contribuirà risulta fissata in 300 euro.

Vuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità di Aosta Sera? Iscriviti alla nostra newsletter.

Articoli Correlati

Società

Fai già parte
della community di Aostasera?

oppure scopri come farne parte