Apicoltori in festa per la sesta sagra del miele, in attesa della certificazione Dop

Il consorzio degli apicoltori regionali e l’assessorato regionale all’Agricoltura hanno preparato la documentazione necessaria, e presto la sottoporranno al Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali per l’approvazione.
La conferenza di presentazione degli eventi
Società
Anche il miele valdostano punta al riconoscimento Dop. Il consorzio degli apicoltori regionali e l’assessorato regionale all’Agricoltura hanno preparato la documentazione necessaria, e presto la sottoporranno al Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali per l’approvazione. Lo ha affermato l’assessore all’agricoltura Giuseppe Isabellon durante la conferenza stampa di presentazione della VI sagra del miele di Chatillon e del 15esimo Concorso del miele valdostano.  
Nell’attesa gli apicoltori locali si preparano a festeggiare quella che, a detta degli esperti del settore, è stata un’annata positiva. Venerdì 23 ottobre, all’Institut agricole, si svolgerà una cena con percorso degustativo incentrata sul miele e sui numerosi modi per impiegarlo in cucina. Ma la festa vera e propria comincerà sabato 24 ottobre: il borgo di Chatillon accoglierà le bancarelle della sagra dedicata al biondo nettare delle api, prodotto in numerose varietà in tutta la regione.
 
Inoltre, è stato preparato un percorso didattico e informativo per grandi e piccoli, che potranno conoscere e osservare in prima persona le differenti fasi di produzione del miele. Il fulcro della festa però è previsto per domenica 25 ottobre. I visitatori potranno tuffarsi nel passato visitando la mostra sugli attrezzi in uso dagli apicoltori nel corso degli ultimi cento anni, allestita nella sala Londres. E’ prevista inoltre la proiezione di un filmato sul settore apicolo valdostano, seguita dalla premiazione dei vincitori del quindicesimo Concorso dei mieli della Valle d’Aosta.

Vuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità di Aosta Sera? Iscriviti alla nostra newsletter.

Articoli Correlati

Società
Società

Fai già parte
della community di Aostasera?

oppure scopri come farne parte