Assemblea delegati DS-GV: passa il documento ma rimangono le tensioni interne

Riconoscimento nell'Alleanza Autonomista e Progressista dello strumento politico per proporsi al governo della Regione, confermando la linea politica che ha già portato alla vittoria delle elezioni politiche del maggio scorso;...
Società

Riconoscimento nell’Alleanza Autonomista e Progressista dello strumento politico per proporsi al governo della Regione, confermando la linea politica che ha già portato alla vittoria delle elezioni politiche del maggio scorso; avvio in Valle, nella prospettiva della costituzione del Partito Democratico, del processo per la costruzione di un soggetto politico originale e unitario aperto ai cittadini, alla società civile e alle forze politiche e sociali che si riconoscono nel progetto politico dell’Ulivo e del Centrosinistra; sostenere l’iniziativa democratica delle proposte di legge elettorale di iniziativa popolare, quale stimolo per un confronto che porti ad una radicale riforma in materia elettorale.

Sono questi i tre punti contenuti nel documento approvato, sabato scorso, in occasione dell’assemblea dei delegati della Gauche Valdôtaine-Democratici di Sinistra.
Un’approvazione che, anche se ha ricevuto il ?placet? di 60 voti a favore, 2 contrari e 1 astenuto, nasconde un malcontento interno al movimento e tensioni che sempre più fanno fatica a restare ?in casa?. I numeri contano, dunque, fino ad un certo punto. Le due anime interne ai DS si sono confrontate in maniera aspra, mettendo sul tavolo visioni differenti, e quelli che sono emersi sono i problemi di sempre: eccessivi personalismi, mancanza di linea politica efficace con scelte forti e coraggiose, forti tensioni interne, poca condivisione. E a chi proponeva di dimenticare il passato e pensare al futuro è stato risposto che proprio il passato dovrebbe far riflettere su errori da non commettere.

Vuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità di Aosta Sera? Iscriviti alla nostra newsletter.

Articoli Correlati

Società
Società