Benedetto XVI: primo giorno di assoluto riposo

Il Pontefice si è recato nella villetta di Les Combes dove è restato per tutto il pomeriggio senza uscire, nemmeno per una breve passeggiata. Il programma è molto libero e il Pontefice sceglierà di giorno in giorno in base alle proprie disponibilità.
Vacanza Benedetto XVI a Les Combes
Società

Un pomeriggio di assoluto riposo per il primo giorno del Papa in Valle d’Aosta. Dopo l’arrivo in elicottero sul pianoro detto du “Saint-Père”, il Pontefice si è recato nella villetta di Les Combes dove è restato per tutto il pomeriggio senza uscire, nemmeno per una breve passeggiata. "E' arrivato stanco dal viaggio e dai numerosi impegni dei giorni scorsi” hanno detto dal suo seguito. Anche il tempo pomeridiano invitata al riposo nel pomeriggio di lunedì 13 luglio.

E' la terza volta che Benedetto XVI è ospite in Valle d'Aosta. Nel 2008 il Pontefice ha scelto come luogo di vacanza la cittadina altoatesina di Bressanone, dove ha soggiornato per due settimane e dove era solito recarsi nel periodo estivo quando era ancora Cardinale.

Dopo mesi di intenso lavoro quest’anno il Papa ha deciso quindi di refrigerarsi tra le valli valdostane, nella casa di pietra e legno di Les Combes preparata ad hoc e addobbata con fiori multicolori. L’enciclica "Caritas in veritate" uscita appena prima del G8 è stato un intenso lavoro di analisi e riflessione sui maggiori temi di attualità: “precarieta'', “sfruttamento”, “mancanza di garanzie sociali”, “indebolimento dei sindacati”, “lavoro”, “immigrazione”. L’aria valdostana e i panorami che lo attorniano, non ultimo uno splendido colpo d’occhio sul Monte Bianco che il Pontefice può ammirare dallo studio e dalla camera della villetta di Les Combes, saranno utili a ritemprarsi e a cominciare a metter mano ai testi per il viaggio nella Repubblica Ceca dal 26 al 28 settembre prossimi e soprattutto alla stesura della seconda parte del suo libro “Gesù di Nazaret”.

Il programma della vacanza di Benedetto XVI è molto libero. Sono state approntate alcune gite e proposte che saranno vagliate dal Pontefice e dal suo seguito. Papa Ratzinger ama la tranquillità del luogo che lo ospita, e anche negli anni scorsi le uscite, a parte la celebrazione dell’ “Angelus”, sono state sporadiche. D’altronde a Les Combes tutto è stato preparato con dovizia di particolari. Un sentiero ombreggiato da larici e pini e dal fondo ben battuto conduce ai dintorni della villetta regalando, dal “belvedere”, una splendida vista sulla vallata centrale e sul borgo di Introd. A pochi metri dalla casa è stata allestita una piccola area di preghiera e riflessione con un crocefisso in legno. I forestali per questa visita hanno voluto omaggiare il Santo Padre di una croce ricavata da un’unica radice, che è stata collocata sul sentiero dove papa Ratzinger è solito camminare in compagnia del suo segretario personale George Gaeswein. Nel giardino dello chalet è stato collocato un barbecue sotto un grande ombrellone e poco lontano, al termine di uno dei suoi sentieri preferiti una piccola casetta in legno, in posizione ancora più avanzata sullo spettacolare panorama, dove potrà riposare, pregare, leggere. Anche nello chalet non mancano le attenzioni: il Papa ha trovato infatti un pianoforte nuovo.

Nel frattempo, impercettibilmente, circa trecento uomini vegliano su queste vacanze del Pontefice in Valle d’Aosta, da terra e dal cielo.

 

Vuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità di Aosta Sera? Iscriviti alla nostra newsletter.

Articoli Correlati

Società

Fai già parte
della community di Aostasera?

oppure scopri come farne parte