Duemila euro di medicinali per l’emergenza sanitaria in Costa d’Avorio

Sono destinati alla popolazione della Costa d'Avorio, colpita da una grave emergenza sanitaria, i farmaci raccolti in questi mesi dall'Azienda Usl su mandato della regione Valle d'Aosta e della Protezione Civile. Circa...
Società

Sono destinati alla popolazione della Costa d’Avorio, colpita da una grave emergenza sanitaria, i farmaci raccolti in questi mesi dall’Azienda Usl su mandato della regione Valle d’Aosta e della Protezione Civile.
Circa duemila euro di prodotti medicinali saranno affidati, lunedì, al presidente dell’Associazione degli ivoriani in Piemonte e Valle d’Aosta, Jean Claude Souignini, che, di concerto con la Regione Piemonte, provvederà alla spedizione verso Abidjan, in Costa d’Avorio.

Da quando, nell’agosto scorso, una nave cargo proveniente dall’Europa, noleggiata dalla società multinazionale “Trafigura”, ha scaricato 536 tonnellate di rifiuti tossici nel mare di fronte, la zona capitale ivoriana si trova a fronteggiare una grave emergenza sanitaria.

Non si è trattato di un’incidente: l’equipaggio si è liberato del carico vicino alla costa, come se si trattasse di una normale, anche se particolarmente poco costosa, procedura di smaltimento di rifiuti, contando probabilmente sulla fragilità del paese africano, che attualmente deve già affrontare una grave crisi economica politica e sociale e una guerra civile.
Ad oggi si riscontrano infatti più di ottantamila intossicati, di cui quasi diecimila in pericolo di vita, e numerose vittime.

Gli interventi di bonifica potrebbero costare fino a 30 milioni di dollari, e attualmente vengono pagati quasi esclusivamente dalla Costa d’Avorio, che a tale scopo sta utilizzando i propri fondi pubblici.

Vuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità di Aosta Sera? Iscriviti alla nostra newsletter.

Articoli Correlati

Società
Società