Gemellaggi: Gignod e Pontlevoy hanno celebrato undici anni di amicizia e collaborazione

Una delegazione di Gignod ha preso parte alle iniziative francesi organizzate per celebrare e ricordare la firma del gemellaggio. Nel fuori programma visita tra vigne, cantina di produzione, castello di Montpoupon e un'azienda agricola ad energia pulita.
Gemellaggio
Società
I comuni di Gignod e Pontlevoy hanno rinsaldato il legame di amicizia che li lega dal 1998, anno in cui il comune francese del Loir-et-Cher si è gemellato al comune valdostano. Nei giorni scorsi, infatti, una delegazione di Gignod, composta da una trentina di persone e guidata dal Sindaco Claudio Brédy, con al seguito il presidente del comitato per il gemellaggio Giorgio Gagliardi, la quasi totalità della giunta comunale e referenti del territorio e delle associazioni, ha preso parte alle iniziative francesi organizzate per celebrare e ricordare la firma del gemellaggio. A far da padroni di casa sono stati il Sindaco di Pontlevoy, Xavier de Bodard ed il presidente del comitato francese, Jean-Louis Berthault.

La celebrazione della ricorrenza ha avuto il suo momento più importante con la firma di un documento presso l’abbazia di Pontlevoy che, oltre a ricordare l’impegno assunto dalle rispettive amministrazioni nel 1998, ribadisce ed evidenzia la volontà di queste ultime a proseguire con le iniziative nell’ambito del gemellaggio. L’accoglienza francese è stata calorosa e le iniziative, anche fuori programma istituzionale, cui ha preso parte la delegazione valdostana hanno messo in evidenza le affinità e le sensibilità dei due comuni: vendemmia di una porzione di vigna e  successiva visita della cantina di produzione, visita del castello di Montpoupon e di un’azienda agricola automatizzata e ad energia fotovoltaica, oltre ad altri numerosi momenti. L’incontro, che è stato utile anche ai rispettivi responsabili delle associazioni attive sul territorio, ha permesso di consolidare i legami già instaurati e di sfruttare l’occasione per pianificare eventuali incontri futuri nei rispettivi comuni.

Vuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità di Aosta Sera? Iscriviti alla nostra newsletter.

Articoli Correlati

Società
Società

Fai già parte
della community di Aostasera?

oppure scopri come farne parte