Giovani in visita a Cascina Caccia per il progetto “Legalità”

L'Albero di Zaccheo, Libera Valle d'Aosta e gli oratori Immacolata e Saint Martin organizzano, per giovedì 30 giugno, una visita alla struttura confiscata ai mandanti ed esecutori dell'omicidio di Bruno Caccia.
Bruno Caccia
Società

Intorno alle 23.30 del 26 giugno 1983, il Procuratore della Repubblica di Torino Bruno Caccia venne affiancato da una macchina con due uomini a bordo, mentre portava a passeggio il proprio cane: senza scendere dall’auto, i sicari della ‘Ndrangheta gli spararono 14 volte e, per essere certi della morte del magistrato, lo finirono con 3 ulteriori colpi.

Nell’ambito del progetto “La legalità…uno strumento per la difesa della pace”, le associazioni L’Albero di Zaccheo, Libera Valle d’Aosta e gli oratori Immacolata e Saint Martin organizzano una visita alla struttura, a San Sebastiano da Po, confiscata ai mandanti ed esecutori dell’omicidio, riutilizzata socialmente grazie all’affidamento all’associazione Acmos.

I ragazzi dai 15 ai 26 anni esponenti delle diverse realtà associative partiranno con il pullman giovedì 30 giugno alle 8 dal piazzale della Chiesa Saint Martin per raggiungere Cascina Caccia in tarda mattinata, dove saranno impegnati in attività formative e manuali – sul bene confiscato si producono miele e nocciole – fino al rientro in serata ad Aosta.

Vuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità di Aosta Sera? Iscriviti alla nostra newsletter.

Articoli Correlati

Fai già parte
della community di Aostasera?

oppure scopri come farne parte