Video 

Grattacielo, gli inquilini scendono in piazza. “Passeremo un altro inverno in quelle case”

Secondo quanto annunciato dal sindaco Fulvio Centoz la ditta lunedì potrebbe iniziare i lavori. Rassicurazioni arrivate anche da Arer che si è impegnato a fare degli interventi di manutenzione.
Società

Sono arrivati in piazza Chanoux questa mattina gli inquilini del Grattacielo di Aosta per gridare la propria rabbia. Urla e cori rivolti in primis al sindaco di Aosta, Fulvio Centoz a cui, con un cartello esposto da un manifestante, hanno consegnato anche il “Premio Pinocchio 2018”.

Il primo cittadino non si è nascosto ed è sceso alle 11 puntuale in mezzo agli inquilini per spiegare loro le ultime novità. “La ditta ha risposto alla nostra richiesta di preventivo – ha detto Centoz – dovremmo riuscire a far l’incarico fra oggi e domani e la ditta si è detta disponibile a iniziare lunedì prossimo i lavori”.

Un annuncio che non è stato ben accolto dagli inquilini, consci ormai di dover passare l’ennesimo inverno nel Grattacielo. 

“Fino a febbraio non ci sposteranno – commenta rassegnata la portavoce Loredana Brunod – I lavori finiranno a fine dicembre, poi ci saranno le feste, poi ancora il collaudo. Prima di gennaio non se ne parla. Un altro Natale, quindi, con il magone e gli scatoloni. Quando tutti gli altri faranno pranzi e cenoni, noi non avremo neppure i piatti per farlo”.

 

In piazza è arrivato anche il Presidente dell’Arer, Paolo Varetti che si è preso l’impegno di rimettere in funzione l’ascensore rotto e di fare altri interventi di manutenzione.

“Sistemeranno quel pochettino per vivere dignitosamente e senza paura,  – prosegue Brunod –  ci dobbiamo fidare di lui, non abbiamo alternative” .

Ad alimentare la protesta degli inquilini, scesi in piazza, è stato anche il consigliere regionale della Lega Nord Andrea Manfrin, protagonista di un acceso scontro con il primo cittadino.

Vuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità di Aosta Sera? Iscriviti alla nostra newsletter.

Articoli Correlati

Società