I volontari e la comunità di Saint-Vincent oggi danno l’ultimo saluto a Cesare Lucchetti

I funerali oggi, martedì 22 febbraio, alle 15, a Cesare Lucchetti, di 82 anni, morto dopo una breve malattia all'ospedale di Aosta. Lucchetti, che lascia la moglie e un nipote, era molto conosciuto per le sue attività a favore dei bambini in Brasile.
Cesare Lucchetti
Società

Sarà la comunità di Saint-Vincent a dare l’ultimo saluto oggi, martedì 22 febbraio, alle 15, a Cesare Lucchetti, di 82 anni, morto dopo una breve malattia all’ospedale di Aosta. Lucchetti, che lascia la moglie e un nipote, era molto conosciuto per le sue attività di volontariato e di impegno a favore in particolare dell’infanzia in Brasile.

Nel 1990 aveva fondato l’Avib, l’Associazione valdostana pro infanzia brasiliana e ne era tuttora il Presidente. L’Avib che opera principalmente  a Victor Bahia ha costruito numerose scuole di formazione professionale con laboratori di falegnameria, meccanica, informatica, agronomia destinate ai giovani brasiliani altrimenti esclusi dal sistema di istruzione e di apprendimento di un mestiere.

Per seguire al meglio la sua attività di impegno Cesare Lucchetti viveva diversi mesi all’anno in Brasile. A marzo 2007, una delle ultime volte in cui era sceso nello Stato sudamericano, era stato accompagnato da Mauro Cometto e Alessandro Stevanon dei Volontari del soccorso di Chatillon e Saint-Vincent. “In un mese di soggiorno in Brasile – spiega Cometto-  abbiamo toccato con mano tutto quello che Cesare ha realizzato in quel paese conoscendo le associazione di volontariato locali, visitando gli ospedali, le scuole, i centri per i bambini disabili“.

All’attività solidale di Cesare Lucchetti hanno creduto diversi enti ed associazioni. Tra questi i Volontari del soccorso di Chatillon che lo hanno sostenuto donando le ambulanze dismesse e diversi comuni che hanno offerto a Cesare Lucchetti e all’Avib  auto e scuolabus e materiale vario non più utilizzato in Valle, ma estremamente utile per il Brasile. 

Era una persona molto generosa, davvero unica che non ci stancavamo mai di ascoltare per la grande ricchezza di storie e di esperienza vissuta, per me poi, nonostante la differenza di età, è stato anche un grande amico” dichiara ancora Cometto.

Vuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità di Aosta Sera? Iscriviti alla nostra newsletter.

Articoli Correlati

Fai già parte
della community di Aostasera?

oppure scopri come farne parte