Società di Silvia Savoye |

Ultima modifica: 13 Settembre 2019 10:05

Il primo formaggio di pecora con infiorescenze di canapa è valdostano

Aosta - A produrlo è Daniele Morzenti di Aymavilles. Il formaggio dolce di pecora viene lasciato 100/140 giorni a riposare in barrique di rovere con infiorescenze di canapa.

Figlio dei Fiori di Daniele MorzentiFiglio dei Fiori di Daniele Morzenti

I fiori, il produttore valdostano Daniele Morzenti non li ha messi nei cannoni, ma in barrique di rovere. Qui dopo 100/140 giorni di riposo è nato il suo Figlio dei Fiori, il primo formaggio dolce di pecora con infiorescenze di canapa. Un unicum nel mondo, dove il prezzo  – 100 euro al Kg – nasconde un processo di lavorazione che non ripaga i costi aziendali.

“Noi usiamo solo infiorescenze di prima qualità senza semi, il cui costo sul mercato si aggira dai 2 ai 6mila euro al kg – racconta il produttore valdostano  – Io non rientro nel costo di produzione, ogni barrique mi costa 50mila euro di infiorescenze più i formaggi. Per rientrare dai costi dovrei venderlo a 300 euro al kg”.

Figlio dei Fiori di Daniele Morzenti
Figlio dei Fiori di Daniele Morzenti

L’allevatore ovino di Aymavilles – 1200 i capi, di cui la metà di lana Rosset – dal 2015 ha iniziato a coltivare la Canapa, prima a Lugano in Svizzera e poi in Valle d’Aosta. Dai formaggi, alla lana, alla carne di pecora e agnello fino alla canapa, l’azienda agricola continua di anno in anno a diversificare la sua produzione, puntando su ricerca e studio. Per carpire tutti i segreti della coltivazione della canapa Daniele Morzenti si è spinto fino in California. Con il marchio “Special Karma Valle d’Aosta” la sua azienda agricola è diventata oggi la più grande produttrice in Valle d’Aosta: 10 quintali annui di infiorescenze da 13mila piantine. “Purtroppo con la sentenza della Cassazione, il mercato è crollato perché si è fatto molto terrorismo mediatico. Molti negozianti che prima la tenevano, ora non la tengono più, anche se nulla è cambiato dal punto di vista normativo”.

Figlio dei Fiori è stata la naturale conseguenza della voglia di innovazione dell’azienda di Morzenti. “Trovare il giusto equilibrio di sapore ha richiesto molto tempo e assaggi, con l’obiettivo finale sempre in mente di presentare agli appassionati un formaggio che potesse sorprendere e differenziarsi dai più conosciuti e classici affinamenti nazionali”.

A fianco del produttore Daniele Morzenti, uno tra i più rinomati affinatori di formaggio attivi in Italia, il valdostano Stefano Lunardi.
“Partiamo da un formaggio che ha delle caratteristiche superiori di base,  – racconta Lunardi – non andiamo a correggere o portare delle sensazioni gustative diverse per andare a colmare delle lacune, andiamo a valorizzare la dolcezza di una toma di pecora, che da anni l’azienda di Daniele propone, con un sentore che gli dà delle caratteristiche erbacea particolare, ma senza andare a modificare l’importanza della pasta, della dolcezza di un formaggio a latte di pecora”.

Figlio dei Fiori di Daniele Morzenti e Stefano Lunardi
Figlio dei Fiori di Daniele Morzenti e Stefano Lunardi

La presentazione nazionale di Figlio dei Fiori arriverà a Bra, dal 20 al 23 settembre, in occasione di Cheese. Nel panorama locale sono stati avviati invece i primi contatti con alcuni chef per mettere in campo alcune proposte.  Nel frattempo, per poter degustare l’ultimo nato in casa Morzenti, il punto di riferimento è la latteria Erbavoglio di via Monsignore de Sales ad Aosta.

 

Commenta questo articolo

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You may use these HTML tags and attributes:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>