Società

Ultima modifica: 20 Agosto 2019 11:00

Il volo non ha età, la signora Paola va in parapendio a 80 anni

Aosta - Ad accompagnarla nel tragitto da La Magdeleine ad Antey Luigi Boggia, fondatore dell’associazione Asd Eventi Straordinari e già protagonista lo scorso anno del “battesimo dell’aria” di suo figlio Valerio, che allora aveva solamente 4 anni.

Signora in parapendio

“Quando camminerete sulla terra dopo aver volato, guarderete il cielo perché là siete stati e là vorrete tornare”, diceva il grande Leonardo Da Vinci, il genio totale e totalizzante che progettò – tra gli altri – l’“ornitottero”, il primo aeromobile che simulava il battito d’ali degli uccelli.

Ed è quello che deve aver pensato la signora Paola, arzilla ottantenne milanese che ieri – domenica 18 agosto – ha ripetuto dopo qualche anno l’esperienza di volo in parapendio partendo da La Magdeleine per atterrare, una ventina di minuti dopo, all’Area sportiva di Antey-Saint-André.

Ad accompagnarla in questo volo in “tandem” Luigi Boggia, fondatore dell’associazione Associazione sportiva dilettantistica Eventi Straordinari e che da oltre 40 anni ha dedicato la sua vita al cielo, già protagonista lo scorso anno del “battesimo dell’aria” di suo figlio Valerio, che allora aveva solamente 4 anni.

“La signora ha 80 anni solamente secondo la Carta d’identità – spiega Boggia – ma in realtà non si direbbe. Fisicamente sta molto bene e ha uno spirito invidiabile. Aveva già volato con noi qualche anno fa, allora mi ha contattato per ripetere l’esperienza. Lei è di Milano e ha casa a Torgnon, conosceva già noi e la nostra specialità”.

Vista l’età della signora, qualche accorgimento extra è stato necessario: “Bisogna prendere un po’ di precauzioni – prosegue Boggia –, perché è vero che lo spirito c’è ma serve attenzione, soprattutto in fase di decollo evitando manovre troppo azzardate. Quando si affrontano condizioni così, comunque, non si vola mai da soli”.

E com’è stato il tragitto aereo vero e proprio? “Abbiamo chiacchierato abbastanza mentre eravamo in volo – prosegue Luigi –, e nei venti minuti circa, la durata media che proponiamo, mi ha fatto anche vedere dov’era casa sua a Torgnon”.

E per la cronaca sì, si è divertita come una “matta”.

Commenta questo articolo

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You may use these HTML tags and attributes:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>