In Valle “treni verso il baratro”. L’esasperazione dei pendolari

Ritardi fra i 45 e i 60 minuti, locomotori guasti, quattro ore di viaggio per fare 100 chilometri. Sono i particolari del “calvario” descritto da un lettore che oggi ha scritto alla nostra redazione. Marguerettaz scrive a Moretti.
Una delle foto pubblicate sul gruppo di Facebook
Società

Ritardi fra i 45 e i 60 minuti, locomotori guasti, quattro ore di viaggio per fare 100 chilometri. Sono i particolari del "calvario" descritto da Giorgio Gianesini che oggi ha scritto alla nostra redazione, che ogni giorno parte da Aosta per raggiungere Ivrea. Viaggiando in treno. "Ritardi e guasti – dice Gianesini – che iniziano a minare seriamente la pazienza sia di noi frequentatori abituali sia di coloro che per lavoro, studio o turismo utilizzano questo pseudo-servizio.

Rispondendo a Gianesini, l'assessore ai Trasporti, Aurelio Marguerettaz esprime "tutta la solidarietà e la comprensione per il disagio che provano gli utenti della tratta ferroviaria Aosta-Torino". E agli utenti della ferrovia, Marguerettaz invia anche una copia della lettera inviata oggi, giovedì 13 maggio, all'amministratore delegato di Fs, Mauro Moretti, e al sottosegretario Bartolomeo Giachino. Marguerettaz parla di una situazione che si aggrava sempre di più "con una corsa inarrestabile verso un baratro i cui contorni appaiono assolutamente inquietanti". E addirittura Marguerettaz cita rumors di "forti azioni da parte dei pendolari, con azioni che coinvolgono non solo gli organismi giudiziari, ma anche aspetti di ordine pubblico (blocco/occupazione dei binari ecc.).

In conclusione, Marguerettaz definisce vergognoso l'attuale servizio ferroviario erogato alla comunità valdostana e chiede l'immediata riunione del tavolo di lavoro congiunto fra Regione e Ferrovie dello Stato.

Vuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità di Aosta Sera? Iscriviti alla nostra newsletter.

Articoli Correlati

Società
Società

Fai già parte
della community di Aostasera?

oppure scopri come farne parte