Inaugurato il nuovo reparto di gastroenterologia dell’ospedale Beauregard

I lavori sono durati circa un anno per un costo complessivo di 700mila euro. E' dotato di 15 posti letto, tra ordinari e di day hospital. Tra i fiori all'occhiello del reparto figurano una medicheria informatizzata e un'attività di screnning vincente.
Società

Il reparto di gastroenterologia dell'ospedale regionale Beauregard di Aosta ha da oggi una nuova veste e una nuova collocazione. Questa mattina, alla presenza delle autorità regionali, è avvenuta l'inaugurazione dei locali posti al secondo piano, ala est, della struttura ospedaliera. I lavori sono durati circa un anno per un costo complessivo di 700mila euro, 100mila dei quali per gli arredi.  La nuova unità operativa, che prima trovava sede al piano inferiore, è dotata di 15 posti letto, tra ordinari e di day hospital, e può contare su 34 operatori, tra medici e infermieri.

Vero atout del nuovo reparto è rappresentato da "Mario" il distributore informatizzato di medicinali, che rientra all'interno del progetto "Dose unitaria del farmaco" al quale sta lavorando l'Azienda. "Questo sistema – ha evidenziato il direttore generale dell'USL Stefania Riccardi prevede la distribuzione automatizzata dei medicinali con l'obiettivo di azzerare l'errore umano nella somministrazione dei farmaci e di monitorare le scorte per evitarne l'accumulo e quindi gli sprechi".

Altro punto di forza del reparto di gastroenterologia, guidato dal dottor Sergio Crotta,  è l'attività di screening per il tumore al colon retto, nata nel 2006, ed oggi in attesa dei risultati della seconda campagna di controllo. La prima fase, terminata nel 2008, ha registrato 62 casi di tumore al colon retto, 40 dei quali allo stato iniziale e quindi guariti. "Lo screnning è un'attività di prevenzione che funziona molto bene e per la quale abbiamo un primato in Italia – ha evidenziato Crotta – Nel 2008, infatti, la Valle d'Aosta, con il 65% di adesioni, è stata la regione con la più alta percentuale di partecipazione di popolazione. La seconda fase di controllo credo si attesterà sui dati del 2008".

"Il lavoro di adeguamento e ristrutturazione delle strutture sanitarie in Valle d'Aosta è al 90% – ha spiegato l'Assessore regionale alla Sanità Albert Laniècee ci sono due punti che tengo a sottolineare: l'attività di scrennig di cui si è detto e la lotta all'alcolismo. Quest'ultima è una piaga  ancora presente in modo pesante nella nostra regione e il reparto di gastroenterologia sta portando avanti un'intensa attività su questo fronte in collaborazione con il Sert".

Vuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità di Aosta Sera? Iscriviti alla nostra newsletter.

Articoli Correlati

Società
Società

Fai già parte
della community di Aostasera?

oppure scopri come farne parte