La pista ciclabile di Aosta si collegherà al parco Saumont

Dopo un percorso annoso, il Comune ha ottenuto il via libera all'esproprio per il sottopasso in prossimità dell'area verde. A spiegarlo in Consiglio comunale, rispondendo ad una mozione di Renato Favre (FI), l'assessore Cometto: "Un piccolo tassello che va al suo posto".
Parco Saumont
Società

La rete di piste ciclabili “Aosta in bicicletta” – in fase di realizzazione – si connetterà al parco Saumont attraverso il sottopasso posto in prossimità dell’area.

A chiedere conto, in Consiglio comunale, il vicepresidente dell’aula – e consigliere di Forza Italia – Renato Favre. “Il parco Saumont da sei anni espone un cartello che ricorda come la zona non sia percorribile. Strettamente correlato a questo c’è il tema dell’apertura del sottopasso che permetterebbe di raggiungere la pista ciclopedonale. Sarebbe opportuno sistemare questa parte”.

Tema effettivamente annoso, che ha alle spalle un lungo percorso – piuttosto accidentato – di complicati espropri. Problemi che ora, però, potranno essere lasciati alle spalle.

Infatti, come spiega l’assessore ai Lavori pubblici Corrado Cometto, “il sottopasso vicino alla rotonda che porta dalla statale a Porossan e Roisan è inutilizzato per questioni arcaiche dovute ad un esproprio complesso. Il lavoro è stato inserito come opzione nel progettoAosta in bicicletta’ ed è stato aggiudicato all’impresa che sta realizzando i lavori. Quindi, se si fosse raggiunto l’esproprio l’intervento sarebbe stato fatto. Oggi possiamo dire che raggiungeremo questo obiettivo”.

Cometto ricostruisce le ultime novità: “L’Ufficio espropriazioni regionale ha fornito parere favorevole alla nostra richiesta – ha detto –. Dopo la comunicazione ai proprietari è stato approvato il progetto di esproprio ed è stata chiesta l’emissione del decreto. Dopo aver convocato i proprietari il 17 ottobre è stato fatto un sopralluogo per lo stato di consistenza dei terreni. Dopo la valutazione di un’indennità provvisoria, il 14 dicembre questa Amministrazione ha provveduto all’impegno delle somme necessarie”.

E ora? “Siamo in attesa del decreto – ha spiegato l’assessore –, cui seguirà la notifica ai proprietari. Adesso, dopo il verbale l’Amministrazione potrà disporre dei terreni espropriati e dare seguito ai lavori connessi. Essendo i lavori già progettati si attiverà quindi l’opzione e le opere verranno realizzate, penso entro quest’anno. Un piccolo tassello che va al suo posto e che è importante perché la rete ciclabile si connetterà così con il parco”.

Soddisfatto, in contro-replica, Favre: “Sono rincuorato da queste notizie anche se la tempistica può migliorare. Accontentiamoci”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

This site is protected by reCAPTCHA and the Google Privacy Policy and Terms of Service apply.

Vuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità di Aosta Sera? Iscriviti alla nostra newsletter.

Articoli Correlati

Società

Fai già parte
della community di Aostasera?

oppure scopri come farne parte