Legambiente, bandiera verde a Matteo Alberti e al Gruppo di Acquisto solidale di Pont-Saint-Martin

Per il 2021 nessuna bandiera nera è stata attribuita alla Valle d'Aosta da parte della Carovana delle Alpi 2021, il rapporto di Legambiente presentato oggi.
Valgrisenche - foto da Instagram di  skialpxperience
Società

Nessuna bandiera nera e ben due verdi. E’ quanto assegnato quest’anno alla Valle d’Aosta da parte della Carovana delle Alpi 2021, il rapporto di Legambiente presentato oggi in concomitanza con la partenza dell’omonima campagna d’informazione itinerante che, fin dal 2002, guida i cittadini alla scoperta del territorio alpino. Anche in questa stagione, e fino al mese di ottobre, in programma passeggiate, trekking, incontri e convegni organizzati dai circoli locali e regionali di Legambiente.

La prima bandiera verde del 2021 è stata attribuita al Gruppo di Acquisto Solidale (Gas) di Pont-Saint-Martin “per la capacità di resilienza nel difficile periodo del lockdown totale, con la costituzione di un gruppo di acquisto solidale che valorizza le piccole produzioni locali di montagna e il consumo sostenibile, diventando uno dei punti di riferimento per azioni di solidarietà in collaborazione con le associazioni di volontariato del territorio”. Dalla raccolta fondi in collaborazione con Diaconia Bassa Valle per i profughi in Bosnia, a quella di abiti e giochi per le famiglie in difficoltà, all’acquisto di parmigiano bio in collaborazione con un’associazione locale per azioni di solidarietà, e del caffè del Lazzarelle prodotto dalla torrefazione della Casa Circondariale Femminile di Pozzuoli (NA). Il Gas aveva iniziato il suo percorso con 10 famiglie, diventate ore 105.

Va invece a Matteo Alberti, organizzatore SkiAlp’Xperience, e alla Proloco di Valgrisenche la seconda bandiera verde 2021 di Legambiente.

SkiAlp’Xperience è un evento di scialpinismo ideato ed organizzato, nell’inverno tra febbraio e maggio 2021 ossia in piena pandemia, da Matteo Alberti con il prezioso contributo e l’indispensabile supporto della Proloco di Valgrisenche.

Sulle vette di 6 itinerari scialpinistici tra i più classici, sono state posizionate delle targhette con il nome del percorso e l’altitudine. I partecipanti, una volta saliti in cima, hanno scattato un selfie (abitudine già molto diffusa) vicino alla targhetta e hanno postato le foto sui propri profili Instagram con gli hashtag #skialpxperience e #visitvalgrisenche, compilando successivamente il modulo di iscrizione sul sito web della Proloco.

“I motivi che ci portano a premiare questa idea sono molteplici:  – si legge nel rapporto di Legambiente – la resilienza di una piccola comunità durante la pandemia, l’idea innovativa di un appassionato di montagna, capace di coniugare un approccio slow alla neve con la diffusione dei social media; l’apertura e la disponibilità di una Pro Loco capitanata da giovani, che ha sposato una prospettiva originale e foriera di ulteriori sviluppi”. 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

This site is protected by reCAPTCHA and the Google Privacy Policy and Terms of Service apply.

Vuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità di Aosta Sera? Iscriviti alla nostra newsletter.

Articoli Correlati

Fai già parte
della community di Aostasera?

oppure scopri come farne parte