Lo sfogo di un pendolare: “La Regione deve combattere per garantire i servizi essenziali”

Non so con chi prendermela, con Trenitalia? Eppure non è il rancore verso la triste compagnia di trasporto che mi logora: è la mia Regione che mi delude, siamo Valdostani e non abbiamo la dignità di un popolo fiero.
I lettori di Aostasera, Società

Sono un lavoratore che, come molti altri, è costretto a viaggiare a Torino  ogni giorno per poter lavorare. É una situazione pesante, ma, la nostra Regione non garantisce più il lavoro a tutti (perché, diciamoci la verità,  l’occupazione in Valle é diventata un optional) e pertanto mi faccio forza e, rapportandomi agli altri miei colleghi viaggiatori, me ne faccio una ragione.
Il problema nasce però dal fatto che non è più sostenibile la situazione: mentre vi scrivo mi trovo seduto sul treno di ritorno a Chivasso con 55 minuti di ritardo. Non è una novità il ritardo dei treni, è la quotidianità di questa malsana abitudine che mi tormenta. Ho una famiglia, i miei due bambini che vorrebbero salutare il loro papà ma che, pur cercando di stare svegli, crollano dal sonno perché arrivo sempre in ritardo.

Non so con chi prendermela, con Trenitalia? Eppure non è il rancore verso la triste compagnia di trasporto che mi logora: è la mia Regione che mi delude, siamo Valdostani e non abbiamo la dignità di un popolo fiero. Non ci tuteliamo se non per proteggere i nostri  prati per le reine, per ipotizzare lavori inutili quali metropolitane che  coprono un tratto di strada che corrisponde alla lunghezza della banchina del  binario di Torino Porta Susa etc. Si parla ora dell’insegnamento del patois nelle scuole: vi assicuro che mio figlio avrebbe bisogno di vedere più spesso il padre, lo renderebbe sicuramente più felice.

Era la regione del welfare e ora è un piccolo angolo isolato d’Italia. Cara Regione, mi rivolgo a te e ti chiedo di preoccuparti dei seri problemi che riguardano i tuoi cittadini tutti, anche i non "dipendenti regionali", la nostra casta privilegiata. E’ vergognoso  quello che sta succedendo ai pendolari. E’ vergognoso che la nostra Regione non  combatta per garantirci i servizi essenziali come i trasporti! Non è una scelta  di comodo viaggiare per lavoro, noi tutti preferiremmo lavorare vicino a casa.  Eppure una casa l’abbiamo in Valle, dove paghiamo le tasse e vogliamo essere  tutelati. So che molti si riconosceranno in questa mia riflessione.

Domenico

Vuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità di Aosta Sera? Iscriviti alla nostra newsletter.

Articoli Correlati

Società

Fai già parte
della community di Aostasera?

oppure scopri come farne parte