Mikael, in Finlandia per inseguire il suo sogno

Il valdostano Mikael Faa si è trasferito in Finlandia, dopo essere stato ammesso alla facoltà di avation business di Porvoo.
Mikael Faa
Società

“A cinque anni sono salito su un aereo per la prima volta e me ne sono innamorato. Crescendo ho poi realizzato che avrei potuto trasformare questa mia passione in un lavoro”, racconta Mikael. Oggi, a diciannove, si trova in Finlandia proprio per seguire questa sua passione.

Diplomatosi al liceo classico di Aosta lo scorso giugno, lo studente valdostano è entrato a studiare aviation business, vale a dire economia legata al campo dell’aviazione, nel campus universitario di Porvoo.
“La Finlandia è stata una scelta quasi obbligata” ha commentato Mikael “in quanto solo lì ho trovato l’indirizzo che davvero volevo studiare insegnato in inglese e per di più a ottimi livelli”. Per essere ammesso ha dovuto superare dei test di inglese, matematica e soprattutto di capacità di lavorare in gruppo, elemento fondamentale per il sistema scolastico finlandese. La lingua del posto non ha rappresentato invece nessun ostacolo, in quanto materia di studio del primo anno per i ragazzi stranieri e grazie anche al perfetto bilinguismo dei locali.

Sulla sua nuova vita ha poi rivelato di aver amato la Finlandia sin da subito, merito anche della gentilezza e dell’inaspettato carattere aperto dei suoi abitanti, descritti da Mikael come disponibilissimi e sempre pronti a darsi da fare; non è un caso il fatto che quasi tutti i suoi compagni di corso siano già impegnati in qualche lavoro part-time nel campo dell’aviazione.

La vita cambia totalmente rispetto a quella in Italia, ma sto vivendo tutto con molto entusiasmo. Devo solo abituarmi alla quasi totale mancanza di luce durante e il giorno, entrare ed uscire dalle lezioni col buio è ancora qualcosa di totalmente nuovo per me. Molto diversa è anche la concezione di cultura che hanno i finlandesi, per cui libri e film sono molto più rari che in Italia. Per non parlare della pizza…” ha poi aggiunto Mikael.

Il diciannovenne valdostano ha confessato di non sapere ancora dove sarà un domani, che però lo vedrà certo impegnato nella gestione aeroportuale o di compagnie aeree. Per il momento Mikael si accontenta di vedere il suo sogno diventato realtà, aspettando di vedere dove lo porterà questa nuova esperienza.

Vuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità di Aosta Sera? Iscriviti alla nostra newsletter.

Articoli Correlati

Società