Nuovi interventi a favore di ricerca e sviluppo imprenditoriale

Incentivare la costituzione di nuove realtà imprenditoriali sul territorio valdostano, agevolare le piccole imprese valdostane e attirare allo stesso tempo nuove aziende e realtà imprenditoriali da fuori Valle sono gli obiettivi del...
Società

Incentivare la costituzione di nuove realtà imprenditoriali sul territorio valdostano, agevolare le piccole imprese valdostane e attirare allo stesso tempo nuove aziende e realtà imprenditoriali da fuori Valle sono gli obiettivi del disegno di legge a favore della ricerca e dello sviluppo approvato in occasione dell’ultimo Consiglio regionale.
In particolare nella nuova legge vengono ridotti da 10 a 5 i dipendenti necessari ai centri di ricerca e ai consorzi fra imprese per accedere ai contributi. Sono state innalzate le percentuali di contributo che in particolare per le piccole imprese passano dal 60% al 70% rispetto ad attività di ricerca industriale, e dal 35% al 45% in caso di sviluppo industriale. Inoltre le stesse percentuali possono essere incrementate di un ulteriore 15% (fino alla percentuale massima dell’80%) in caso di collaborazione tra imprese o con organismi di ricerca.
?I nuovi interventi a favore della ricerca e dello sviluppo – ha commentato l’Assessore alle Attività produttive e Politiche del Lavoro, Leonardo La Torre – rappresentano un tassello fondamentale che si colloca all’interno di un progetto più ampio di rilancio del comparto industriale valdostano?. L’intento è quello di far crescere in Valle d’Aosta il binomio ricerca e sviluppo ?settore fondamentale per il rilancio e lo sviluppo del tessuto industriale valdostano?.
Le modificazioni che il Consiglio regionale ha approvato della precedente legge regionale in materia di ricerca e sviluppo recepiscono la comunicazione della Commissione europea relativa alla disciplina comunitaria in materia di aiuti di Stato a favore della ricerca, sviluppo e innovazione, in base alla quale gli Stati membri sono obbligati a modificare i preesistenti regimi di aiuto per armonizzarli con la nuova disciplina comunitaria entrata in vigore il 1° gennaio 2007.
Tra le altre novità introdotte nel viene fatta una distinzione tra piccole, medie e grandi imprese con l’individuazione di massimali più elevati per le imprese insediate nell’area industriale Cogne di Aosta. Infine, accanto all’introduzione, espressa tra le categorie di spesa ammesse a finanziamento, di ricerca contrattuale, competenze tecniche e brevetti, figura la possibilità di erogare un’anticipazione del contributo, nella misura del 20% dell’importo concesso, rispondendo in questo modo alle richieste manifestate dal mondo imprenditoriale.
?La legge approvata – conclude l’Assessore – oltre a rimodernare il precedente testo del 1993 getta i presupposti per una competitività duratura, sostenibile e coerente con la vocazione del territorio. La Valle d’Aosta si appresta a diventare il terreno fertile e un luogo di sviluppo tecnologico per eccellenza di settori innovativi, questo grazie alle sinergie attivate con il Politecnico di Torino e con l’Università della Valle d’Aosta, oltre che, ad esempio, alle potenzialità nella produzione di ?energia pulita?.

Vuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità di Aosta Sera? Iscriviti alla nostra newsletter.

Fai già parte
della community di Aostasera?

oppure scopri come farne parte