Video 

Oltre la Fiera di Sant’Orso: la magia delle buvette e dei ristori “volanti” degli artigiani

Il Premio Buvette, ideato dalla scultrice Sabina Marquet, quest'anno vinto da Jadir Vallet, davanti a Mirko Bottazzi e Michel Rosset a pari merito con Paolo Taldo.
Società

Non solo artigianato tipico della tradizione valdostana, ma anche musica, danze e soprattutto specialità enogastronomiche locali: la Fiera di Sant’Orso ha tante sfaccettature e forse, alla fine, la dimensione di convivialità che anima la festa rappresenta il vero spirito della Millenaria.

Se sui banchetti, in bella vista lungo le vie del cento storico della città, è possibile ammirare oggetti e sculture in legno, manufatti in pietra ollare, ferro, rame, ceramica, vetro, tessuti, pizzi e molto altro, c’è altrettanto ingegno nascosto dietro (o spesso anche solo a fianco), dove sorgono vere e proprie cucine “da campo”, con stufe, paioli, taglieri e l’immancabile angolo buvette, in cui gli artigiani si ritrovano per rifocillarsi e tenersi compagnia.

Anche in questo caso, si tratta di un’usanza che viene da molto lontano: in passato, soprattutto chi scendeva in città dalla valle laterali per esporre le proprie opere si doveva attrezzare per restare in Fiera due giorni e una notte (ecco quindi l’origine della Veillà).

Lontano dai padiglioni (rossoneri ed enogastronomici), dai bar e dallo street food, oggi è possibile imbattersi in lunghe tavolate imbandite, “potager” roventi con polenta e carbonade, cervo, zuppe o semplicemente vin brûlé. Senza dimenticare i taglieri di saucisse, boudin, fontina e pane nero, oltre alla riserva di genepy e liquori distillati in casa.

Il cuore di questa grande cucina a cielo aperto è senz’altro la zona dietro Piazza San Francesco, tra via Monseigneur de Sales (zona presidiata dai rugbisti dello Stâde Valdôtain) e via Xavier de Maistre (area “celtica”), fino a via Guido Rey, dove c’è anche più spazio per allestire le zone di ristoro. Ma non è raro trovare qualche “chicca” anche nei vicoli del centro storico (molti gli Alpini ben attrezzati) o addirittura in Piazza Chanoux, dove quest’anno fa bella mostra di sé un incredibile tavolo-stufa. Si difende bene anche il crocevia tra Sant’Anselmo, Sant’Orso e Porta Praetoria, dove è stato istituito addirittura un Premio Buvette, ideato dalla scultrice Sabina Marquet, quest’anno vinto da Jadir Vallet, davanti a Mirko Bottazzi e Michel Rosset a pari merito con Paolo Taldo.

Insomma, non è affatto difficile individuare questi piccoli angoli di gastronomia iperlocale, ruspante e tradizionale, passeggiando in città, mentre diventa più complesso uscirne vivi e ritrovare la strada di casa, a fine giornata, dopo aver brindato almeno una volta con tutti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito è protetto da reCAPTCHA e da Googlepolitica sulla riservatezza ETermini di servizio fare domanda a.

The reCAPTCHA verification period has expired. Please reload the page.

Vuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità di Aosta Sera? Iscriviti alla nostra newsletter.

Articoli Correlati

Fai già parte
della community di Aostasera?

oppure scopri come farne parte