Prevenzione dell’ictus: a maggio si mobilita l’Associazione Alice

"Si pensa che sia una malattia dell'anziano, ma l'ictus può manifestarsi anche nei giovani" ha sottolineato il fondatore di Alice D'Alessandro. I volontari si mobiliteranno il 14 maggio ad Aosta per la manifestazione "Una ciliegia per ...Alice".
Lorella Zani
Società

Il mese di maggio è il mese della prevenzione dell’ictus a livello mondiale. E in questo mese Alice, l’Associazione per la lotta all’ictus cerebrale, nata in Valle d’Aosta più di 10 anni fa e poi "esportata" su tutto il territorio nazionale,  ha collocato buona parte delle sue attività del 2011.

Oltre ad alcuni screening rivolti ai soci, il 7 maggio, e ai nuovi iscritti, il 15 maggio, i volontari di alice si mobiliteranno il 14 maggio  per la manifestazione "Una ciliegia per …Alice" , una giornata di raccolta fondi in cui saranno distribuiti, dietro un’offerta cestini di ciliege. I volontari di Alice saranno presenti ad Aosta, in Piazza Chanoux e in Piazza Arco di Augusto, a partire dalle 9 anche per consegnare depliant con indicazioni sulla prevenzione, su come riconoscere la malattia e sugli esami da fare per valutare il rischio e la familiarità con l’ictus. Il 4 giugno Alice prenderà parte, insieme ad altre associazioni, alla seconda edizione di "Dolce solidarietà", un evento che coniuga la passione per le torte e i dolciumi all’impegno sociale, che si svolgerà all’Oratorio san Filippo Neri di Aosta.

"Ancora oggi si pensa che l’ictus sia una malattia dell’anziano, ma non è così. Sono molto più frequenti i casi in età avanzata, ma l’ictus putroppo può manifestarsi anche nei giovani e registriamo una crescita dei casi in colpisce le giovani donne" ha spiegato Giuseppe D’Alessandro, neurologo al Parini di Aosta e già fondatore di Alice nel corso dell’incontro con i giornalisti. Per questo motivo l’associazione, 250 iscritti in Valle, ha avviato alcuni filoni di lavoro che coinvolgono i giovani.

"Nel corso del 2011 – ha sottolineato Lorella Zanivorremmo incontrare i ragazzi delle scuole medie per informarli sulle problematiche dell’ictus, per cui stiamo aspettando l’approvazione da parte della Sovraintendenza agli studi. Se non venisse sponsorizzato l’Associazione provvedera’ comunque a portarlo a compimento utilizzando mezzi propri e cercando altre sponsorizzazioni’.

Alle giovani donne è rivolto invece il progetto Gravidic, ancora in fase embrionale, per cui Alice vuole farsi promotrice della costituzione di un registro per la raccolta dei dati clinici e terapeutici delle giovani donne in gravidanza. "L’idea di questo registro nasce dall’esperienza di 5 giovani donne con una storia di un precedente infarto cerebrale che hanno affrontato e portato a termine la gravidanza senza conseguenze per la madre né per il neonato" ha spiegato ancora D’Alessandro.

Vuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità di Aosta Sera? Iscriviti alla nostra newsletter.

Articoli Correlati

Società