Raggiunta l’intesa tra sindacati ed Ipra: 50 precari saranno assunti a settembre 2007

Dopo quattro anni di trattative e incontri è stata raggiunta l'intesa tra tutte le sigle sindacali e l'Istituto Professionale Regionale Alberghiero (Ipra) gestito dalla Fondazione per la Formazione Professionale Turistica di...
Società

Dopo quattro anni di trattative e incontri è stata raggiunta l’intesa tra tutte le sigle sindacali e l’Istituto Professionale Regionale Alberghiero (Ipra) gestito dalla Fondazione per la Formazione Professionale Turistica di Châtillon, almeno per quanto concerne il ?Piano fattibilità? per le assunzioni a tempo indeterminato del personale.
Il piano di assunzione presentato dal commissario straordinario dell’Ente, Claudio Vietti, riguarda il personale attualmente in servizio e dal mese di settembre del prossimo 2007 saranno 50 i lavoratori assunti ai quali sarà riconosciuta anche l’anzianità di servizio maturata finora. Dopo mesi di concertazione, alternati da momenti di agitazione sindacale, l’intesa pone fine a quel meccanismo che vedeva ogni anno personale assunto a settembre per poi essere licenziato con l’arrivo dell’estate, al termine dell’attività didattica. L’accordo è stato sottoscritto da Sism-Cisl, Savt-Ecole e Snals-Confsal oltre che da Flc-Cgil che nelle settimane scorse non aveva firmato la pre intesa inviando alle testate giornalistiche una lettera, seguita da 39 firme, nella quale, non essendo stata interpellata nella costituzione dell’accordo, esprimeva sconcerto per il tentativo di delegittimare la RSI e la flc CGIL.

Secondo i sindacati il Piano ?fornisce una risposta definitiva alle richieste dei lavoratori che chiedevano l’applicazione del Ccnl Aninsei, nel rispetto delle norme sulla Parità scolastica”.
“L’accordo – sottolineano i sindacati in una nota – sancisce il ristabilirsi di corrette relazioni sindacali, che consentono la cessazione dello stato di agitazione a suo tempo proclamato per sollecitare una conclusione positiva della trattativa”.
Con l’accordo sul Piano “si apre – secondo i sindacati – la possibilità di riprendere in modo costruttivo il confronto per la sottoscrizione a breve del primo contratto integrativo d’Istituto, che consenta all’Ipra di assicurare ai dipendenti condizioni di lavoro simili a quelle già applicate in altre Istituzioni scolastiche private della Valle d’Aosta”.

Vuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità di Aosta Sera? Iscriviti alla nostra newsletter.

Articoli Correlati

Società
Società