Secondo il curatore fallimentare ammonta a 50 milioni di euro il deficit della Tecdis

La ?questione Tecdis?, anche in seguito al fallimento dell'azienda, resta aperta. Se ne è parlato oggi, durante la conferenza stampa settimanale della Giunta regionale. Era presente anche il curatore fallimentare, Leonardo Marta,...
Società

La ?questione Tecdis?, anche in seguito al fallimento dell’azienda, resta aperta. Se ne è parlato oggi, durante la conferenza stampa settimanale della Giunta regionale.
Era presente anche il curatore fallimentare, Leonardo Marta, che ha presentato un quadro della situazione decisamente negativo.
L’azienda di Chatillon, fino a tre anni fa leader mondiale nella produzione di display a cristalli liquidi, ha un buco di oltre 50 milioni di euro a fronte di un utile che sfiora il milione di euro.

?Il commissario straordinario Roberto Cassinelli dovrà spiegare, nelle sedi competenti, come mai il deficit dell’azienda sia lievitato di ulteriori 5 milioni? ha affermato il presidente della Regione Luciano Caveri, aggiungendo che ?entro sei mesi o al massimo entro i primi mesi del 2008 la Regione, che attualmente vanta crediti per circa 5,5 milioni di euro per i canoni di locazione, cercherà di entrare al più presto in possesso dello stabilimento per poter avviare nuove attività?.
Resta difficile, intanto, la situazione degli ex lavoratori: sono 170 coloro che fino a maggio 2008 potranno godere della cassa integrazione, mentre alcune decine di ex dipendenti sono attualmente occupati in programmi mirati a facilitare la loro riqualificazione professionale.

Vuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità di Aosta Sera? Iscriviti alla nostra newsletter.

Articoli Correlati

Società
Società