Servizio ferroviario gratuito: ecco come chiedere il rimborso

Al momento le istanze possono essere presentate, a partire dal 17 agosto 2020, su apposito modulo da inviare unitamente ai biglietti ferroviari di cui si intende chiedere il rimborso e agli altri documenti richiesti, tramite e-mail all’indirizzo u-agetar@regione.vda.it
Stazione Ferroviaria di Aosta
Società

Sono state approvate le modalità attuative per la gratuità del servizio ferroviario dal primo giugno al 31 dicembre 2020.

I cittadini che, alla data di effettuazione dei viaggi, sono residenti in Valle d’Aosta, potranno richiedere il rimborso dei titoli di viaggio acquistati e utilizzati. Al momento le istanze possono essere presentate, a partire dal 17 agosto 2020, su apposito modulo da inviare unitamente ai biglietti ferroviari di cui si intende chiedere il rimborso e agli altri documenti richiesti, tramite e-mail all’indirizzo u-agetar@regione.vda.it. È in fase di sviluppo la procedura per l’invio tramite la piattaforma regionale, implementata da INVA SpA, dedicata alle Misure di sostegno regionali Covid-19.

“La volontà è di aiutare le famiglie e i lavoratori a sostenere i costi del trasporto e di riavvicinare l’utenza all’utilizzo dei mezzi pubblici,  – sottolinea l’Assessore regionale ai Trasporti, Luigi Bertschy – a seguito dell’epidemia di COVID-19. La gratuità del trasporto ferroviario per la tratta Aosta-Torino va a completare il quadro di azioni già messe in campo per garantire mezzi pubblici sicuri e gratuiti ai cittadini valdostani, sia su gomma sia su ferro”.

I moduli e tutte le indicazioni utili alla presentazione della richiesta di rimborso possono essere reperiti sul sito della Regione. Per informazioni è possibile scrivere una email a u-agetar@regione.vda.it oppure telefonare ai numeri 0165 527641-42-43.

Trasporti Valle d'Aosta
Trasporti Valle d’Aosta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

This site is protected by reCAPTCHA and the Google Privacy Policy and Terms of Service apply.

Vuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità di Aosta Sera? Iscriviti alla nostra newsletter.

Articoli Correlati

Società
Società