Striscia la notizia contro le Batailles de Reines, allevatori furiosi

“Un servizio a senso unico”, così lo ha definito questa mattina il neo Presidente dell’Associazione Batailles de Reines, Giuseppe Balicco. “Siamo molto amareggiati perché è stata data un’informazione non corretta e non completa".
Alcune immagini del servizio di Striscia sulle Batailles de Reines
Società

“Dedicatevi alla lippa, alla rabatta, e non ai combattimenti di mucche”. Si conclude così il servizio sulla finale regionale delle Batailles de Reines, mandato in onda ieri sera da Striscia la Notizia. Il quadro dipinto in tre minuti dall’inviato Edoardo Stoppa, tra interviste e immagini girate durante alcuni combat, ovviamente non è piaciuto a molti valdostani.

“Un servizio a senso unico”, così lo ha definito questa mattina il neo Presidente dell’Associazione Amis des Batailles de Reines, Giuseppe Balicco. “Siamo molto amareggiati perché è stata data un’informazione non corretta e non completa. Eppure quel giorno la troupe aveva realizzato molte interviste, anche all’ex Presidente Bernard Clos, al direttore dell’Arev Edy Henriet e alla nostra veterinaria, Claudia De Santis, che però non sono state utilizzate. Un po’ ce l’aspettavamo, perché sappiamo qual è il loro format, però questa volta hanno esagerato perché hanno raccontato delle falsità”.

Poi, entrando nel dettaglio, Balicco ha smontato il servizio di Striscia, minuto per minuto. “Si parla di combattimenti indotti, quando tutti sanno che lo fanno naturalmente, o di scommesse, ovviamente inesistenti, mentre scorrono le immagini della gente che ritira il programma della giornata dopo il sorteggio. L’antidoping, poi, l’abbiamo fatto dopo tutte le eliminatorie e dopo la finale, altro che insabbiamenti”.

I commenti su Twitter
I primi commenti, ovviamente negativi, sono arrivati anche su twitter, ieri sera, poco minuti dopo la fine del servizio, per poi affollare le bacheche dei social network questa mattina. “Complimenti a Striscia la notizia per aver fatto diventare la tradizionale bataille des reines, una assurda bataille des… peines…”, scrive l’anonimo Pays d’Aoste. C’è poi chi lo ha definito “vergognoso, ignobile, indegno“ (Beppe Leyduan), “un bruttissimo e falso servizio sulle batailles des reines, peccato. Ennesima prova della credibilita’ di TV e giornali” (Corrado Lantelme, assessore Saint-Marcel), chi ha invitato il simpatico Stoppa a “informarsi, prima di parlare” (Marilena Péaquin, consigliere regionale). Infime, Patrick Thérisod, direttore del Celva, sempre su Twitter, ha difeso la “lunga tradizione che vede la mucca protagonista e non l’uomo! Nessun maltrattamento! Stoppa OUT”. 

Vuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità di Aosta Sera? Iscriviti alla nostra newsletter.

Articoli Correlati

Società