Tagli alla sanità, eliminati i rimborsi per chi soffre di linfedema agli arti inferiori

Nella Petite Patrie siamo una decina a soffrire di linfedema agli arti inferiori, la spesa tagliata si aggira sui 5000 euro. È cosi che si operano i risparmi???
L'ospedale regionale Umberto Parini
I lettori di Aostasera, Società

In questi tempi di ristrettezze in cui gli Enti devono stringere la corda della borsa, in cui si devono ridurre i costi, si fanno tagli ma se il risultato è ledere la salute dei cittadini, forse non si è fatta la cosa più corretta.
Mi chiedo se chi è responsabile di decidere cosa tagliere è competente in materia? Conosce le patologie? O guarda solo i numeri?
Ora vi parlo di una patologia, il linfedema. Il linfedema può essere primario come nel mio caso, o secondario dovuto ad asportazione o a radiazioni a seguito di tumori dei linfonodi. Il linfedema è una patologia cronica irreversibile ed invalidante, i linfonodi non smaltiscono la linfa, con il risultato che gli arti interessati si gonfiamo arrivando a dei volumi mostruosi, vi basterà andare su internet fare un ricerca per immagini, se siete impressionabili non ve lo consiglio,
Unica cura per ridurre i volumi e permettere una vita “normale” l’utilizzo di bracciali e calze compressive che sono fatte su misura e ad una compressione diversa per ogni paziente, e qui arrivano i tagli della sanità, per coloro che hanno linfedema agli arti superiori un monte di 200,00 per acquisto dei bracciali compressivi, mentre per coloro affetti agli arti inferiori che necessitano di calza compressiva , 0,00.
Nella Petite Patrie siamo una decina a soffrire di linfedema agli arti inferiori, la spesa tagliata si aggira sui 5000 euro. È cosi che si operano i risparmi???

Rosa Barrel

Vuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità di Aosta Sera? Iscriviti alla nostra newsletter.

Articoli Correlati

Società