Un “thé” anticipa la Notte dei ricercatori

Ad anticipare “La notte dei ricercatori” del 25 settembre, sarà oggi 24 settembre, il “Thé per la ricerca”, un breve incontro al Museo regionale in cui ricercatori di ieri e di oggi racconteranno al pubblico le proprie esperienze di vita.
Società
“La notte dei ricercatori” chiude, venerdì 25 settembre, il ricco panorama di eventi inseriti in “Creatività e Ricerca”, la rassegna di conferenze, seminari, workshop e laboratori, organizzati dall’Agenzia del Lavoro, in collaborazione con enti, imprese e istituzioni. L’appuntamento finale è per le ore 14,30 quando, presso il Museo Archeologico Valdostano il Presidente della Regione Augusto Rollandin e Michel Laine, Capo Unità della Direzione Occupazione della Commissione Europea, apriranno ufficialmente l'evento. Gli stando apriranno dalle ore 14,30 alla Biblioteca regionale ed al Museo Archeologico. Lungo le strade adiacenti inoltre saranno presenti 3 stands in cui saranno svolte attività di animazione. L’evento si concluderà presso il Salone delle manifestazioni di Palazzo regionale alle ore 24 con lo spettacolo: “Creatività e ricerca …. In un aspirapolvere”– autopsia di un elettrodomestico. Lo spettacolo sarà curato dal ricercatore Vittorio Marchis del Politecnico di Torino e dall’attrice valdostana Barbara Caviglia.

Ad anticipare “La notte dei ricercatori” sarà alle ore 17.00 di oggi, 24 settembre, il “Thé per la ricerca”, il breve incontro al Museo regionale in cui ricercatori di ieri e di oggi racconteranno al pubblico la propria esperienza di vita e le ricerche realizzate anche da personaggi valdostani. A partecipare a appuntamento, condotto  dal ricercatore e astrofisico Andrea Bernagozzi, saranno il Prof. Enzo Bertolini, direttore dell’Osservatorio Astronomico della Valle d’Aostra, Enrico Bucci, direttore scientifico della Biodigital Valley, Manuela Bonanno, ingegnere informatico presso la Laser di Pont-Saint-Martin e gli storici  Mauro Caniggia e Luca Poggiante.

Vuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità di Aosta Sera? Iscriviti alla nostra newsletter.

Articoli Correlati

Società

Fai già parte
della community di Aostasera?

oppure scopri come farne parte