Una petizione per chiedere una corretta informazione sull’8×1000

Ad organizzarla sono l'Associazione radicale valdostana “Loris Fortuna” e la Unione Atei Agnostici Razionalisti. Domani dalle 17.00 alle 19.00, le due associazioni saranno ad Aosta, in Via Croce di Città con un gazebo informativo.
Società

Una petizione per chiedere una corretta informazione ai  cittadini/contribuenti su come vengono destinati e ripartiti i fondi dell’otto  per mille. Ad organizzarla sono l’Associazione radicale  valdostana “Loris Fortuna” e la UAAR (Unione Atei  Agnostici Razionalisti). Domani, giovedì 12 maggio, dalle 17.00  alle 19.00, le due associazioni saranno ad Aosta, in Via Croce di Città (angolo con via Aubert) con un gazebo informativo.

"Ben pochi sanno, infatti – si legge in una nota delle Associazioni – che i soldi di quei due terzi di cittadini che non  destinano l’otto per mille a nessuno, vengono suddivisi in percentuale  proporzionale alla scelta compiuta da quel terzo che li destina.  Per esempio la Chiesa cattolica arriva ad incassare circa un miliardo di euro  quando l’ammontare che i cittadini volontariamente le destinano, equivale ad  un terzo, circa 300 milioni di euro."

 

Vuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità di Aosta Sera? Iscriviti alla nostra newsletter.

Articoli Correlati

Società