Zincocelere

I vertici della Zincocelere hanno chiesto al tribunale di Biella l'ammissione al concordato preventivo e non l'istanza di fallimento. La notizia è emersa durante l'incontro di ieri all'Associazione Industriali della...
Società

I vertici della Zincocelere hanno chiesto al tribunale di Biella l’ammissione al concordato preventivo e non l’istanza di fallimento.
La notizia è emersa durante l’incontro di ieri all’Associazione Industriali della Valle d’Aosta.
La Zincocelere, specializzata in circuiti stampati, sarebbe impossibilitata a continuare economicamente l’attività, ma avrebbe già instaurato alcuni contatti con un imprenditore interessato rilevare dal tribunale l’attività.
L’azienda di Cavaglià, patisce la forte concorrenza cinese ed è alle prese con una grave crisi di liquidità. Se il tribunale accetterà la richiesta dell’azienda i nuovi possibili acquirenti potrebbero presentare un nuovo piano industriale che interessa 640 lavoratori, un centinaio dei quali occupati nello stabilimento di Pont Saint Martin.

Vuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità di Aosta Sera? Iscriviti alla nostra newsletter.

Articoli Correlati

Società