Biathlon, Samuela Comola terza con la staffetta azzurra in Germania

Ancora una volta il mix fra “senatrici” e giovani sembra avere trovato il giusto punto di aggregazione, un ottimo segnale in vista dei Mondiali di Oberhof del 6-19 febbraio.
staffetta donne
Sport

Il quartetto azzurro di Biathlon è stato autore di un’altra prestazione eccezionale, ieri, a Ruhpolding in Germania, nella Staffetta 4×6 km femminile di Coppa del Mondo. Le azzurre, che hanno schierato al lancio la valdostana Samuela Comola, hanno conquistato la terza posizione, come a Hochifilzen, un mese fa.

Comola, molto solida al poligono (Cse; 17’15”8; 0+0 0+0) ha lasciato il testimone, al 5° posto, attardata di 30”6 dalla vetta della corsa, a Lisa Vittozzi (16’39”7; 0+0 0+2), che è risalita in seconda posizione, con distacco pressoché invariato (27”0). Terzo segmento affidato a Rebecca Passler (17’40”8; 0+1 0+0), che mantiene la piazza d’onore e divario dalla testa immutato (29”2). In quarta frazione Dorothea Wierer (17’14”5; 0+0 0+1) esce dal poligono appaiata alla tedesca Denise Herrmann-Wikc, che ha la meglio sugli sci, lasciando il terzo posto all’Italia, al traguardo in 1h 08’50”8 (0+4).

Ancora una volta il mix fra “senatrici” e giovani sembra avere trovato il giusto punto di aggregazione, un ottimo segnale in vista dei Mondiali di Oberhof del 6-19 febbraio, che saranno preceduti dal classico appuntamento di Anterselva del 19-22 gennaio.

“Abbiamo invertito le posizioni partenza di Comola e Passler perché volevamo vedere come si comportavano in condizioni differenti e capire quali scelte possiamo fare a seconda delle esigenze – ha dichiarato il direttore tecnico Klaus Hoellrigl -. Sicuramente le risposte sono state positive, al momento le cose girano bene ma dobbiamo tenere i piedi per terra, perché ogni gara ci riserva qualche sorpresa”.

“Devo dire che partire al lancio mi piace molto – ha spiegato Samuela Comola -. Mi trovo abbastanza bene, dovendo scegliere preferisco forse partire per prima. Correre al fianco di campionesse come Wierer e Vittozzi è motivante, sapere di avere in squadra gente forte è importante per crescere”.

Gara dominata, nelle ultime due frazioni, dalla Norvegia (Karoline Offigstad Knotte, Ragnhild Femsteinevik, Marte Olsbu Roeiseland, Ingrid Lanmark Tandrevold; 1h 08’17”3; 0+6) e, seconda, la Germania, in 1h 08’32”6 (0+10). Oggi conclusione della tappa tedesca con la disputa della Mass start.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

This site is protected by reCAPTCHA and the Google Privacy Policy and Terms of Service apply.

Vuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità di Aosta Sera? Iscriviti alla nostra newsletter.

Articoli Correlati

Fai già parte
della community di Aostasera?

oppure scopri come farne parte