Sport di Orlando Bonserio |

Ultima modifica: 6 Dicembre 2019 9:26

Con l’Epic Ski Tour lo scialpinismo valdostano sogna le Olimpiadi di Milano-Cortina

Aosta - A margine della conferenza stampa dell’Epic Ski Tour, l’assessore Viérin annuncia di voler proporre la Valle d’Aosta come sede se lo scialpinismo verrà introdotto nel programma olimpico.

Trofeo Mezzalama (foto d'archivio)

La Valle d’Aosta torna a sognare le Olimpiadi. Nel corso della conferenza stampa di presentazione dell’Epic Ski Tour, l’assessore allo sport e turismo Laurent Viérin ha annunciato “la nostra volontà di sinergia con il comitato organizzatore dei Giochi invernali di Milano-Cortina 2026 per proporre il nostro territorio come sede della prova di scialpinismo qualora questa disciplina dovesse essere inserita all’interno del programma olimpico. Negli scorsi giorni abbiamo già avuto un incontro”. Un sogno suffragato dall’introduzione dello skialp negli Youth Olympic Games di Losanna 2020.

L’Epic Ski Tour “è un ritorno alle gare che si facevano una volta sul percorso del mitico Trofeo Fiou, perché la Valle d’Aosta è terra di scialpinismo, una disciplina che sta prendendo piede tantissimo, come dimostra l’organizzazione del Trofeo Mezzalama e del Tour du Rutor”, come spiega Marco Albarello, capo del “Comitato grande eventi” della Regione.

La gara valdostana, che coinvolgerà i comuni di Saint-Rhémy-en-Bosses, Saint-Oyen e Etroubles (con partenza e arrivo al Foyer de fond di Flassin, per un totale di 1382 metri di dislivello positivo e negativo), sarà la seconda tappa del circuito internazionale, dopo Davos e prima della Val di Fiemme, ed è in programma dal 14 al 16 febbraio 2020.

Commenta questo articolo

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You may use these HTML tags and attributes:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>