Giornata Olimpica 2019, il Coni premia i migliori atleti valdostani

Il Comitato regionale CONI ha premiato gli atleti valdostani più meritevoli. Non solo Brignone e Pellegrino, ma anche tanti giovani talenti. Premio speciale Coni per Martine Michieletto.
D F AE BBABF
Sport

E’ andato quest’anno a Martine Michieletto, sei titoli mondiali conquistati nel Thaiboxe e nel kickboxing, il “Premio Speciale CONI”.

Nella sala Ida Maria Viglino di Palazzo regionale ieri, sabato 9 novembre, il Comitato regionale Coni Valle d’Aosta ha celebrato la giornata olimpica 2019, manifestazione biennale con cui si premiano gli atleti valdostani che tra il 2018 e 2019 si sono particolarmente distinti a livello nazionale ed internazionale. La rassegna si è aperta con i saluti del presidente del Coni Valle d’Aosta Piero Paolo Marchiando, seguiti da un video messaggio del presidente nazionale Coni, assente a causa di impegni istituzionali. Entrambi si sono detti estremamente soddisfatti per i risultati conseguiti dagli atleti valdostani soprattutto se confrontati con le difficoltà legate alla vita sportiva di chi cresce in una piccola regione. Altro aspetto incoraggiante sono sicuramente i numeri registrati dalla Valle d’Aosta, che di anno in anno vede crescere non solo i risultati, ma anche l’affluenza di nuovi atleti nelle diverse società sportive di categoria.

Suddivisi nelle categorie “assoluti”, “talento” e “tecnici e giudici”, in molti sfilano sul palco per ricevere il premio e la riconoscenza del movimento sportivo regionale. I primi ad essere premiati sono stati gli  atleti insigniti delle onorificenze sportive riferite all’anno 2018, tra cui una menzione speciale viene dedicata alla medaglia d’argento al valore atletico a Federica Brignone, terza classificata nello slalom gigante  alle ultime olimpiadi, e alla medaglia d’oro al valore atletico Simone Origine, vincitore della Coppa del Mondo sci di velocità. I presenti hanno potuto vedere e quasi toccare con mano il presente ed il futuro dello sport valdostano. Sono stati tanti i giovani atleti ad essere premiati per i risultati conseguiti nelle loro discipline che, finalmente, iniziano a non essere più legate esclusivamente alla neve.

Protagonisti della serata sono stati, però, i “Grandi” della neve. Non solo Federica Brignone e Simone Origine, ma anche Federico Pellegrino e Francesco De Fabiani, a ricordare come nelle discipline invernali la Valle d’Aosta abbia ancora un notevole peso nell’economia sportiva nazionale. Una menzione di merito è stata dedicata a Pellegrino e alla Brignone insigniti  del “riconoscimento olimpiadi 2018” per i risultati raggiunti nel 2018 a Peyongchang: medaglia d’argento Sprint per il primo e medaglia di bronzo Slalom Gigante la seconda.

 

 

Vuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità di Aosta Sera? Iscriviti alla nostra newsletter.

Articoli Correlati

Sport
Sport

Fai già parte
della community di Aostasera?

oppure scopri come farne parte