Sport di Orlando Bonserio |

Ultima modifica: 11 Giugno 2020 10:39

Il PDHAE promosso in serie D, l’Aosta Calcio a 5 resta in A2

Aosta - Definiti i criteri per promozioni e retrocessioni dei campionati minori di calcio e calcio a 5. Gli orange guidavano la classifica dopo 9 vittorie consecutive, i gialloblù salvi grazie alla media punti.

Pont Donnaz Hone Arnad Evançon PDHAEPont Donnaz Hone Arnad Evançon - PDHAE 2019-20

È arrivato nella giornata di ieri, mercoledì 10 giugno, il tanto atteso comunicato della Lega Nazionale Dilettanti che sancisce promozioni e retrocessioni di, tra le altre categorie, Eccellenza di calcio e serie A2 di calcio a 5.

A gioire sono due squadre valdostane, il PDHAE e l’Aosta Calcio 511. Gli orange, grazie ad una cavalcata inarrestabile fatta di nove vittorie consecutive, al momento dello stop ai campionati guidavano il girone A del campionato di Eccellenza con 45 punti, 5 più del Borgovercelli e 6 più dell’Aygreville. Il Consiglio Federale ha deliberato che “saranno promosse al Campionato Nazionale di Serie D le prime classificate in ogni girone”, regalando alla squadra del presidente Calliera la gioia della prima promozione che, visto l’andamento dei giocatori di mister Cretaz, sembrava a portata di mano anche sul campo.

Sul fronte del calcio a 5, la salvezza dell’Aosta in serie A2 arriva col brivido dei decimali della media punti. Sono previste, infatti, “2 retrocessioni dirette per ciascuno dei 3 gironi, in aggiunta ad altre 2 retrocessioni determinate mediante il calcolo della peggiore media punti per partita tra le terz’ultime in classifica di ogni girone”. La squadra del presidente Fea, terz’ultima con 19 punti in 21 partite, ha una media pari a 0,90; in serie B vanno quindi Buldog Lucrezia (0,85) e AS Barletta (0,57).

Commenta questo articolo

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You may use these HTML tags and attributes:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>