La giornata-no della staffetta azzurra di sci di fondo

Dura 5 km il sogno di medaglia: Noeckler cade e rompe un bastoncino, De Fabiani rompe uno sci, impossibile per Ventura e Pellegrino avvicinare il podio nella 4x10 km dei Mondiali di Planica. Domina la Norvegia, poi Finlandia e Germania. Italia nona.
Pellegrino De Fabiani team sprint Planica foto Pentaphoto
Sport

Il sogno italiano di trovare una medaglia mondiale in staffetta – dopo lo splendido argento nella team sprint – si spegne dopo meno di 5 chilometri. Nella 4×10 km dei Mondiali di sci di fondo di Planica il quartetto composto da Dietmar Noeckler, Francesco De Fabiani, Paolo Ventura e Federico Pellegrino incappa in una giornata-no che vanifica fin dalle prime battute tutte le speranze di gloria, già difficili alla vigilia.

Circa a metà della prima frazione Dietmar Noeckler cade e rompe un bastoncino, perdendo diversi secondi ed energie per cercare di recuperare il divario, dando il cambio a Francesco De Fabiani a un minuto dalla Norvegia e a 30” dal gruppo. Ma la giornataccia azzurra non finisce qui, perché il gressonaro rompe uno sci ed è costretto a cambiarlo (usandone uno di marca diversa), perdendo tantissimo tempo e ormai il treno del gruppo.

Poco possono Ventura e Pellegrino in tecnica libera se non rientrare in top ten e chiudere al 9° posto ad oltre 5 minuti dalla vetta. Domina, come da pronostico, la Norvegia di Holung, Golberg, Krueger e Klaebo, seguita da una solida Finlandia e da una sorprendente Germania, che vince in volata sulla Francia.

Qui le classifiche.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito è protetto da reCAPTCHA e da Googlepolitica sulla riservatezza ETermini di servizio fare domanda a.

The reCAPTCHA verification period has expired. Please reload the page.

Vuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità di Aosta Sera? Iscriviti alla nostra newsletter.

Articoli Correlati

Fai già parte
della community di Aostasera?

oppure scopri come farne parte