Sport di Orlando Bonserio |

Ultima modifica: 12 Novembre 2020 11:08

Sci: morta Giuliana Minuzzo, prima italiana a vincere una medaglia alle Olimpiadi Invernali

Aosta - Giuliana Minuzzo-Chenal vinse il bronzo alle Olimpiadi di Oslo del 1952 e di Squaw Valley nel '60, oltre ad un bronzo mondiale nel '56. Prima donna a pronunciare il giuramento olimpico, nel 2012 venne nominata Chevalier de l'Autonomie.

Giuliana Minuzzo

E’ morta oggi, mercoledì 11 novembre ad Aosta, Giuliana Minuzzo-Chenal all’età di 89 anni. Nata il 26 novembre 1931 a Vallonara di Marostica, in provincia di Vicenza, si trasferì presto prima a Breuil-Cervinia e poi ad Aosta.

La sua carriera nello sci alpino fu tale da inserirla nella Hall of Fame della FISI: Giuliana Minuzzo è stata infatti la prima donna italiana ad ottenere una medaglia alle Olimpiadi Invernali. Avvenne nel 1952, ad Oslo, in discesa. Nel 1956, a Cortina, fu la prima donna a pronunciare il giuramento olimpico. Nel suo palmarès un altro bronzo olimpico, a Squaw Valley nel 1960 nello slalom gigante, ed un bronzo ai Mondiali di Cortina del ’56 in combinata.

Nel 2012 divenne Chevalier de l’Autonomie.

Ala famiglia di Minuzzo arrivano le condoglianze del Governo regionale.

“La Valle d’Aosta perde oggi una grande protagonista del mondo dello sci e della storia degli sport invernali– dichiara il Presidente Erik Lavevaz.

“Giuliana Minuzzo è stata una grande sportiva, – aggiungono il Presidente Lavevaz e l’Assessore regionale allo Sport Jean-Pierre Guichardaz– prima donna italiana a vincere una medaglia ai Giochi olimpici invernali, con il bronzo nella discesa libera femminile ai VI Giochi olimpici invernali di Oslo nel 1952, e prima donna della storia a pronunciare il giuramento olimpico ai successivi VII Giochi olimpici invernali di Cortina d’Ampezzo, nel 1956. Una vita coronata di successi, celebrati dalla Valle d’Aosta nel 2012 con l’attribuzione dell’onorificenza di Chevalier de l’Autonomie. Un riconoscimento per aver portato nel mondo i colori della Valle d’Aosta”.

Commenta questo articolo

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You may use these HTML tags and attributes:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>