Sport di Silvia Savoye |

Ultima modifica: 12 Settembre 2019 17:44

Tor des Glaciers, il gigante fra i giganti è Luca Papi

Courmayeur - E' arrivato alle 10.06 di questa mattina a Courmayeur. Ha chiuso la gara in 134 ore. Il belga Richard Victor sta salendo ora verso il Malatrà seguito a ruota dal giapponese Ono Masahiro.

Luca Papi, primo Tor des GlaciersLuca Papi, primo Tor des Glaciers

450 km con 32mila metri di dislivello in 134 ore e 6 minuti. Luca Papi mette il sigillo sulla prima edizione del Tor des Glaciers. Sempre sorridente, con una folta capigliatura che ha contraddistinto la sua lunga cavalcata, l’italiano, residente in Francia, diventa il primo Gigante fra i giganti. Ha tagliato il traguardo della gara a Courmayeur questa mattina, giovedì 12 settembre, alle 10.06.

“E’ stata molto più dura di quello che mi aspettavo” ha detto Papi all’arrivo “Le vette sono state molto impegnative, soprattutto le discese, molte erano complicate e pericolose. Sono posti dove bisogna fare attenzione. I primi giorni ha fatto freddo, ma io per fortuna non lo patisco, ero in pantaloncini con la maglietta e la giacca. Sono una volta ho messo i pantaloni lunghi perché ero stanco”.

Quando hai capito di vincere? “Fino a che non tagli il traguardo non puoi mai sapere. La gara mi è piaciuta, vedremo ora il prossimo anno”.

La prova di resistenza riservata unicamente a cento ultratrailer era partita venerdì scorso alle 20 da Courmayeur e si è snodata lungo le Alte Vie dimenticate 3 e 4. Ha sfiorato creste in gran parte sconosciute e lambito gli antichi ghiacciai, lontano dalle rotte abituali degli escursionisti. Una prova davvero esclusiva, unica, condotta in assoluta autonomia, avendo, come unici riferimenti e punti di appoggio, i rifugi d’alta quota.

Per conoscere gli altri due inquilini del podio bisognerà attendere ancora qualche ore. Il belga Richard Victor sta salendo verso il Malatrà, seguito a ruota dal giapponese Ono Masahiro. Decisamente più staccati il sudafricano Matt Dove e l’italiano Luca Guerini. La prima donna, Marina Plaval è nella Valtournenche.

Nel frattempo sono 17 i finisher del Tor des Géants, l’ultimo arrivato è il secondo valdostano Andrea Cavagnet. Verso il traguardo anche la seconda donna, la francese Pauly Jocelyne. 71 invece i runners che hanno al momento concluso il Tot Dret.

Iscriviti alla nostra newsletter

* indicates required

Non daremo mai i tuoi dati a terzi e ti promettiamo che non ti disturberemo inutilmente e che non ti faremo mai perdere tempo.


Puoi cancellarti in ogni momento da questa lista, cliccando nel link che trovi al fondo di ogni mail che ti inviamo. Per avere tutte le informazioni a proposito della nostra "policy" in termini di privacy, puoi andare sul nostro sito www.aostasera.it

Usiamo Mailchimp come piattaforma di marketing: significa che è lo strumento con cui ti mandiamo le mail. Cliccando qui sotto su "Mi iscrivo", confermi di essere al corrente del fatto che gestiremo le informazioni che ci hai lasciato qui attraverso Mailchimp. Se voi scoprire di più sulla Privacy Policy di Mailchimp, clicca qui

Commenta questo articolo