Anche la Valle d’Aosta ha la sua guida Lonely Planet

La guida, scritta da Denis Falconieri, è in vendita da oggi, venerdì 2 dicembre, in tutte le librerie. Uno strumento completo per i turisti ma anche per gli stessi valdostani.
Denis Falconieri con la guida Lonely Planet Valle d'Aosta
Turismo

“Le librerie sono divise in spazi: c’è quello dei libri per bambini, quello della narrativa, quello della saggistica, e poi c’è quello delle guide di viaggio. Per me quello è lo spazio dedicato ai sogni. Le Lonely Planet sono sempre state, per me, qualcosa di incredibile, vedere quel dorso rosso con il bordo blu e la scritta bianca è iniziare a sognare. Aver dato la possibilità alla Valle d’Aosta di entrare in questo spazio mi rende molto orgoglioso”. Denis Falconieri è l’autore della prima guida Lonely Planet dedicata alla Valle d’Aosta, uscita oggi, venerdì 2 dicembre, in tutte le librerie.

 

Lonely Planet
Lonely Planet

 

Un volumetto agile di 176 pagine, diviso in quattro sezioni – Pianificare il viaggio, On the road, Conoscere, Guida pratica – per scoprire tutto della nostra regione, dalle attività all’aria aperta alle tradizioni, dai migliori ristoranti agli itinerari da percorrere. Lonely Planet non ha bisogno di presentazioni, la Valle d’Aosta forse sì, e non solo per i turisti: “Da sempre abbiamo raccontato territori lontani, esotici, ma col passare del tempo noi italiani abbiamo riscoperto il piacere di conoscere a fondo il nostro Paese”, spiega Angelo Pittro, direttore di Lonely Planet Italia, che nel 2023 celebrerà i 50 anni dalla nascita della casa editrice. “Questa guida, che per noi ha un significato particolare perché la Valle d’Aosta era l’ultima regione, oltre al Lazio, di cui non avevamo scritto, non è solo per i turisti ma anche e soprattutto per i valdostani stessi, per leggersi e leggere il proprio territorio”.

Presentazione guida Lonely Planet Valle d'Aosta
Presentazione guida Lonely Planet Valle d’Aosta

Lo conferma anche Jean-Pierre Guichardaz, assessore regionale al turismo: “Si tratta di uno strumento utilissimo per i turisti ma anche per i valdostani e per gli operatori, che possono trarre spunti interessanti per diventare testimonial della nostra regione. Il nostro è un turismo molto diverso da quello delle altre regioni per dimensioni e per caratteristiche: questo tascabile, dal format fruibile e intelligente, è imponente dal punto di vista dei contenuti e sa informare, istruire e divertire”.

Lonely Planet Valle d'Aosta
Lonely Planet Valle d’Aosta

Per l’autore Denis Falconieri, collaboratore di Lonely Planet dal 2016, parlare di casa propria è, oltre ad un motivo di orgoglio, un lavoro difficile: “Ho dovuto mantenere alcuni parametri come obiettività, sincerità, benevolenza, ironia, coraggio. Ho dovuto fare delle scelte, mettermi nei panni del turista: ogni autore delle guide ha un proprio sguardo ma deve anche rimanere in secondo piano, quando scrive è come se desse dei suggerimenti ad un amico”. Nove mesi di lavoro per un’opera in cui perdersi e sognare traendo spunti per tutti i gusti: “Scrivendo guide per tutte le altre regioni dell’arco alpino ho avuto modo di capire quanto sia ricca la Valle d’Aosta: basta andare al di là dell’idea delle sole montagne, della neve, delle attività outdoor per scoprire le tante anime della nostra regione”.

Lonely Planet Valle d'Aosta
Lonely Planet Valle d’Aosta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

This site is protected by reCAPTCHA and the Google Privacy Policy and Terms of Service apply.

Vuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità di Aosta Sera? Iscriviti alla nostra newsletter.

Articoli Correlati

Turismo
Turismo

Fai già parte
della community di Aostasera?

oppure scopri come farne parte