Turismo: dopo il risultato soddisfacente delle feste, gli albergatori vedono nero

L'indagine conoscitiva avviata da Adava fra 300 dei 900 associati in collaborazione con turismOK consegna una fotografia in chiaro e scuro. L'89% prevede prenotazioni in drastico calo.
Breuil Cervinia Valtournenche AO
Turismo

In attesa dei dati, che arriveranno, l’Adava raccoglie le prospettive, le preoccupazioni e le aspettative del comparto ricettivo valdostano. L’indagine conoscitiva avviata fra  300 dei 900 associati (metà alberghi, la restante parte chambres d’hôtes, b&b, cav, etc) in collaborazione con turismOK , consegna una fotografia in chiaro e scuro della stagione turistica invernale.

Un 1/3 degli operatori registra un andamento in linea con la stagione invernale pre-covid; il 60% ritiene invece di aver occupato meno le proprie camere/appartamenti, mentre solo il 4% segnala invece di aver registrato un’occupazione leggermente superiore rispetto al passato.

Sul fatturato, le risposte ricevute sono in linea con i tassi di occupazione dei posti letto, “con l’unica differenza registrata nella distribuzione percentuale che vede leggermente aumentare gli imprenditori soddisfatti dei volumi generati”. Fra i comprensori le perdite più consistenti sia a livello di occupazione che di fatturato è il Monte Cervino, mentre non emergono differenze per quanto riguarda l’alberghiero e l’extralberghiero.

Grandi assenti delle vacanze di Natale gli stranieri. Se in passato durante questo periodo un turista su du arrivava da un paese diverso dall’Italia, quest’anno le media è stata del 15%. In oltre il 46% delle strutture, le presenze degli stranieri sono state azzerate. Questo è avvenuto principalmente nei comprensori turistici del Gran Paradiso e di Aosta e dintorni dove oltre il 60% delle strutture ha ospitato di fatto solo italiani.

Altro dato raccolto da Adava riguarda l’occupazione: oltre il 60% delle strutture ricettive ha assunto pressoché lo stesso numero di collaboratori del passato, il 22% ha ridotto i collaboratori e solo nel 10% dei casi questi ultimi sono stati, al contrario, incrementati.

“Se dovessimo descrivere in estrema sintesi i risultati emersi – sottolinea il Presidente degli albergatori Filippo Gérard – possiamo sicuramente dire che, seppur tra mille difficoltà e nonostante il faticoso contesto, siamo riusciti a portare a casa un risultato soddisfacente durante il periodo delle festività. Ora però il quadro è notevolmente cambiato: le previsioni per i prossimi mesi sono tutt’altro che rosee e lo dimostra il fatto che la quasi totalità dei colleghi intervistati ha espresso forti preoccupazioni per il futuro e ritiene fondamentale siano riproposte delle misure di sostegno importanti.”

Finite le feste, l’81% dei casi le strutture ricettive valdostane sono rimaste (e rimarranno), finché possibile, aperte. Un ulteriore 16% lavora e lavorerà a singhiozzo ovvero solamente nel week end. Soltanto l’8% delle strutture hanno prenotazioni confrontabili ai numeri del passato, mentre addirittura l‘89% prevede prenotazioni in drastico calo.
Strutture quasi completamente aperte ad Aosta e dintorni, nonostante il calo delle prenotazioni evidenti. Le riduzioni interessano tutti i mesi che verranno e si attestano in media con cali del 40%.

Da qui la richiesta degli albergatori di prorogare le misure di sostegno regionali e statali. In particolare le iniziative che potrebbero essere messe in campo sono: l’abbattimento dei costi dell’energia (64% dei rispondenti); bonus imprese (57%); contributi a ristoro dei costi degli immobili strumentali [compensazioni IMU] (52%), contributo spese investimenti (39%), sospensione rate mutui (35%); a seguire vengono indicati anche contributi per le assunzioni, voucher per acquisto prodotti agroalimentari regionali, rinegoziazione del debito e contributi per azioni di marketing.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

This site is protected by reCAPTCHA and the Google Privacy Policy and Terms of Service apply.

Vuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità di Aosta Sera? Iscriviti alla nostra newsletter.

Articoli Correlati

Turismo
Politica
Turismo