La scuola è sempre l’ultima ruota del carro

Io sognavo e immaginavo linee guida che ci parlassero di novità, e che si portassero con sé, oltre alle idee, quella cosina affatto irrilevante che servirebbe alla scuola italiana: i money. E invece, nulla di pervenuto. Né le buone idee, tanto meno i soldi necessari.
Scuola vuota
Basta un po’ di educazione

Avevo iniziato la mia mini-serie di articoli su “La scuola che verrà”, ma come avrete notato mi sono interrotta subito. Non è solo che avevo vari progetti da chiudere nell’ultimo mese, non è solo che ero alle prese col mio lavoro che, per fortuna, ripartiva, e quindi avevo meno tempo per scrivere.

E’ che in questi ultimi 40 giorni ho proprio perso le parole. A forza di vedere così bistrattata la Scuola, a forza di vedere che pian piano tutto il mondo del lavoro ripartiva (eh certo, lì è una questione di business), a forza di vedere che, per fortuna, anche gli spazi di socializzazione informale ripartivano (eh certo, perché lì la responsabilità se la prendono le cooperative o le associazioni che organizzano, non lo Stato, che non vuole prendersele mai!), a forza di vedere che, finalmente, ripartiva anche lo sport (siamo di nuovo lì, le ASD, tenendo le dita incrociate, si fanno carico della responsabilità), ecco, a forza di vedere tutto il mondo felicemente in movimento e la Scuola ancora ferma, ero davvero demoralizzata.

Anzi, amareggiata. Ma non perché volevo che la scuola aprisse ora, per carità, lo so, i rischi, non c’erano le condizioni, e bla bla bla. Ma perché vedevo che la scuola non era una priorità. Se ne parlava poco, come fosse un problema di cui occuparsi a settembre! Non vedevo pianificazione. Vedevo questi mesi buttati via, quando si potevano usare per progettare, ristrutturare spazi, formare i docenti su un modo diverso di fare scuola. La grande occasione di riscatto della scuola!

Eccolo lì, il problema. Io sognavo e immaginavo linee guida che ci parlassero di novità, e che si portassero con sé, oltre alle idee, quella cosina affatto irrilevante che servirebbe alla scuola italiana: i money.

Ed invece, nulla di pervenuto. Né le buone idee, tanto meno i soldi necessari.

Come si ripartirà a settembre? “Ad minchiam”, per usare un improvvisato latinismo. Qualche pensiero più articolato sul tema l’ho scritto qui https://liciacoppo.it/blog/litalia-un-paese-senza-futuro-e-senza-regole/ sul mio blog, ma preparatevi: a questo giro non sono ottimista come sempre. Forse vi converrebbe prendere un Maalox, come ho fatto io dopo aver letto le linee guida del Miur.

0 risposte

  1. Purtroppo è così… occasione persa per rinnovare la scuola, ma soprattutto tutta una serie di regole scritte da gente che non ha idea di cosa voglia dire stare in classe con bambini e adolescenti… che tristezza …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

This site is protected by reCAPTCHA and the Google Privacy Policy and Terms of Service apply.

Vuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità di Aosta Sera? Iscriviti alla nostra newsletter.

Articoli Correlati

Basta un po’ di educazione

Fai già parte
della community di Aostasera?

oppure scopri come farne parte