En souvenir di Christian Diémoz |

Ultima modifica: 17 Giugno 2021 16:19

Aosta piange Renato Angelucci, il commercialista con la passione per il rock e l’ironia

Aosta - 62 anni, libero professionista dal 1988 con studio nel capoluogo, è stato strappato alla vita da una malattia scoperta poche settimane fa. Lascia la moglie Claudia e tanti amici e conoscenti, cui mancheranno la sua verve e il gusto per la polemica.

Renato AngelucciRenato Angelucci (foto da Facebook).

Sono decine i messaggi sui social network che, nelle ultime ore, testimoniano il dolore e lo sgomento di amici e conoscenti per la morte di Renato Angelucci, commercialista 62enne aostano. A strapparlo alla vita ieri, mercoledì 16 giugno, in una struttura di Torino, sua città di origine, una malattia scoperta poche settimane fa, che non gli ha lasciato nemmeno il tempo di iniziare a combatterla.

Studi al liceo scientifico, seguito dalla facoltà universitaria di economia e commercio, aveva scelto la libera professione nel 1988, con studio nel capoluogo. Era apprezzato tra i colleghi, che ne coglievano soprattutto la verve e il tratto autoironico. Angelucci, sulle questioni di lavoro, specie sulle innovazioni più recenti del sistema fiscale, raramente nascondeva il suo parere, o i suoi interrogativi.

E non faceva così nemmeno in altri campi, mai timoroso di confrontarsi, mai prolisso. Tra le passioni di una vita, la musica rock (e dintorni), che prediligeva soprattutto nella sua dimensione dal vivo. Da sempre assiduo frequentatore dei concerti in Valle, non era comunque infrequente incontrarlo anche davanti ai cancelli dei principali eventi della stagione live lontano da Aosta, assieme alla moglie Claudia.

A causa della pandemia quel mondo si era fermato e lui aveva trovato il modo di continuare a far vivere quelle atmosfere (che spesso testimoniava indossando l’iconico “chiodo” in pelle) sul suo profilo Facebook, inventandosi lo spazio “Un riff al giorno”. Un post quotidiano, divenuto un appuntamento fisso per altri appassionati che lo commentavano: alcuni ricevevano approvazione, altri giudizi anche polemici, ma sempre schietti e genuini.

L’ultimo è dello scorso 23 marzo, dedicato a “Rain” dei The Cult. Lo aveva definito “un buon hard rock”. Genere che diventava spesso argomento di conversazione serale, meglio davanti a un calice di vino o a una birra, in un locale del centro con gli amici, cui dispensava sorrisi e provocava risate contagiose. Ciò che mancherà a tanti, convinti che ora Renato sia da qualche parte ad ascoltare il nuovo album del suo gruppo preferito, che noi scopriremo solo tra mesi.

Iscriviti alla nostra newsletter

* indicates required

Non daremo mai i tuoi dati a terzi e ti promettiamo che non ti disturberemo inutilmente e che non ti faremo mai perdere tempo.


Puoi cancellarti in ogni momento da questa lista, cliccando nel link che trovi al fondo di ogni mail che ti inviamo. Per avere tutte le informazioni a proposito della nostra "policy" in termini di privacy, puoi andare sul nostro sito www.aostasera.it

Usiamo Mailchimp come piattaforma di marketing: significa che è lo strumento con cui ti mandiamo le mail. Cliccando qui sotto su "Mi iscrivo", confermi di essere al corrente del fatto che gestiremo le informazioni che ci hai lasciato qui attraverso Mailchimp. Se voi scoprire di più sulla Privacy Policy di Mailchimp, clicca qui

Commenta questo articolo