En souvenir di Nathalie Grange |

Ultima modifica: 1 Aprile 2020 14:34

Costantino Soudaz non ce l’ha fatta: è morto all’ospedale di Ivrea

Ivrea - Ricoverato a Ivrea da metà marzo, nei giorni scorsi si è riaggravato, è entrato rianimazione e si è spento ieri pomeriggio, sabato 28 marzo, per complicazioni polmonari. Ingegnere e insegnante in pensione, era molto stimato e conosciuto in bassa valle.

Costantino SoudazCostantino Soudaz

Ricoverato all’ospedale di Ivrea da metà marzo, Costantino Soudaz, classe 1951, sembrava reagire bene alle cure che gli stavano somministrando. Lo aveva scritto lui stesso il 16 marzo sul suo profilo Facebook “Non ho più febbre. Cura per respirazione. Moralmente sto molto bene e sono ben supportato da tutto il personale di Ivrea”. Poi nei giorni scorsi si è riaggravato, è entrato rianimazione e si è spento ieri pomeriggio, sabato 28 marzo, per complicazioni polmonari.

Costantino, chiamato da tutti “Tino”, era molto conosciuto e stimato in bassa Valle. Originario di Perloz, ha vissuto a Pont-Saint-Martin per trasferirsi a Mercenasco quando si è sposato.

Ingegnere elettronico, ha lavorato inizialmente all’Enel di Torino, poi a lungo all’estero, India, Scandinavia, Tokyo, Francia dove ha vissuto per anni. Con la grande crisi economica ha perso il suo lavoro dirigenziale e si è reinventato iniziando ad insegnare  materie tecniche all’Isitip di Verrès e poi a Pont-Saint-Martin. Nel mondo della scuola colleghi e dirigenti lo ricordano come un  grande innovatore nel campo informatico, promotore di progetti e proposte didattiche nuove, pioniere della didattica a distanza su cui ha  sensibilizzato numerosi insegnanti.

Molto attivo anche in politica e nel sociale: è stato  assessore ai lavori pubblici a Pont-Saint-Martin e consigliere comunale a Pontboset. Nel 2013 si era candidato alle regionali con la lista del Galletto. Componente del Direttivo della Commanderie della Valle d’Aosta dell’Ordire International della Valle d’Aosta, era impegnato  anche nell’Anpi Mont-Rose e rappresentante della Società Operaia di mutuo soccorso.

Costantino Soudaz lascia la moglie Luisa, il figlio Alessandro e una nipotina di due anni, Violante, di cui era nonno orgoglioso e innamorato.

Iscriviti alla nostra newsletter

* indicates required

Non daremo mai i tuoi dati a terzi e ti promettiamo che non ti disturberemo inutilmente e che non ti faremo mai perdere tempo.


Puoi cancellarti in ogni momento da questa lista, cliccando nel link che trovi al fondo di ogni mail che ti inviamo. Per avere tutte le informazioni a proposito della nostra "policy" in termini di privacy, puoi andare sul nostro sito www.aostasera.it

Usiamo Mailchimp come piattaforma di marketing: significa che è lo strumento con cui ti mandiamo le mail. Cliccando qui sotto su "Mi iscrivo", confermi di essere al corrente del fatto che gestiremo le informazioni che ci hai lasciato qui attraverso Mailchimp. Se voi scoprire di più sulla Privacy Policy di Mailchimp, clicca qui

Commenta questo articolo