Eventi

Ultima modifica: 15 Giugno 2019 21:33

A SkyWay una “tre giorni” per scoprire le ricerche sull’Antartide

Courmayeur - Si tratta del quinto Workshop di Scar Aaa, l’importante convegno scientifico internazionale che radunerà in Valle - dal 17 al 19 giugno - i responsabili di tutti i progetti astrofisici insediati al Polo sud.

Funivia Skyway Monte BiancoFunivia Skyway Monte Bianco

Tre giorni, da lunedì 17 a mercoledì 19 giugno, per un appuntamento che vedrà ricercatori provenienti da osservatori astronomici e università di tutto il mondo ritrovarsi al Pavillon di SkyWay Monte Bianco per discutere delle osservazioni astronomiche compiute da uno dei luoghi più remoti sulla faccia della Terra: l’Antartide.

Si tratta del quinto Workshop di Scar Aaa – la Scientific Committee on Antarctic Research, sezione Astronomy and Astrophysics from Antarctica –, l’importante convegno scientifico internazionale che radunerà in Valle d’Aosta i responsabili di tutti i progetti astrofisici insediati al Polo sud.

Il Workshop è co-organizzato dall’Osservatorio Astronomico della Regione – e sostenuto dal Consiglio Valle – insieme alla sezione di astronomia e astrofisica del Comitato scientifico per la ricerca in Antartide. Dal 2016 il centro di ricerca e cultura scientifica a Saint-Barthélemy è capofila della collaborazione internazionale che gestisce il telescopio IRAIT/ITM (International Robotic Antarctic Infrared Telescope/International Telescope Maffei), lo strumento di maggiore apertura (80 cm) presente al Polo sud per l’osservazione nelle bande della luce visibile e del vicino infrarosso.

Il direttore dell’Osservatorio Astronomico, Jean Marc Christille, è anche il responsabile scientifico del progetto IRAIT/ITM e ha partecipato a tre missioni in Antartide per curare in prima persona la robotizzazione del telescopio, installato alla base italo-francese Concordia, sita su un vasto altopiano ghiacciato battezzato Dome C.

“Il continente bianco è un luogo privilegiato per compiere ricerche astronomiche dalla superficie del nostro pianeta – spiega Christille –. La presenza di acqua in atmosfera è un ostacolo all’osservazione astronomica, nella banda della luce visibile e soprattutto in quella della radiazione infrarossa, perché le particelle diffondono o assorbono le onde elettromagnetiche provenienti dallo spazio. Ma al Polo sud le temperature estremamente rigide fanno sì che il tasso di vapore acqueo e umidità, in particolare nelle zone interne, sia decisamente basso, quando non praticamente nullo. Le osservazioni ne traggono un inequivocabile beneficio”.

Commenta questo articolo

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You may use these HTML tags and attributes:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>