I lettori di Aostasera di I lettori di Aostasera |

Ultima modifica: 18 Novembre 2020 15:19

“Il virus ha stravolto la quotidianità di tutti, non si può pensare ad una scuola “normale””

Aymavilles - La riflessione di una mamma di due bambini frequentanti le scuole elementari sulla questione utilizzo della mascherina a scuola.

I lettori di AostaSera

Sono forse l’unica mamma incosciente che non si è documentata sui “potenziali effetti negativi conseguenti al prolungato utilizzo delle mascherine nei bambini tra i 6 e gli 11 anni”?
Ebbene, ho subito rimediato. Mi sono informata sul web (come anche i genitori di Fénis promotori dell’iniziativa sicuramente), interpellando siti ufficiali come: www.salute.gov.it, www.sip.it (società Italiana di pediatria), www.fondazioneveronesi.it e altri ancora.

La letteratura scientifica da me consultata non evidenzia controindicazioni sull’utilizzo continuativo della mascherina nei bambini, ma anzi mette in guardia dalle numerose fake news che dilagano nel web, dalle fonti più che discutibili e comunque non scientificamente provate, come il rischio di ipossia (con conseguente rischio di morte!!!), di alcalosi, di alterazione della flora intestinale, di indebolimento del sistema immunitario. Tutte cose non vere, chi vuole approfondire vada sui siti giusti (e non su Fb).

I pochi sostenitori pubblici della reale esistenza di questi rischi sono tra gli altri Salvini (che notoriamente non appartiene alla categoria dei medici) e il dott. Bassetti, l’infettivologo che quest’estate ha minimizzato l’epidemia promuovendo il libera tutti, affermando che non ci sarebbe stata una seconda ondata, e che ancora ad inizio ottobre ha consigliato di smettere di terrorizzare la gente. Vedete voi.

Io personalmente non ho notato cambiamenti nel rendimento scolastico, disturbi dell’attenzione o comportamentali nei miei figli in queste settimane di obbligo della mascherina, né ho sentito altri genitori lamentarsene. Ma forse siamo un’eccezione?

Altro aspetto riguarda le raccomandazioni dell’OMS.
Credo che in VDA siano state rispettate, permettendo dapprima di non indossare la mascherina fino a novembre, poi, con l’incremento esponenziale dei casi, si è deciso di rinforzare le misure.
In merito ad una gestione più corretta delle mascherine c’è margine di miglioramento, potremmo istruire meglio i nostri figli, noi genitori in primis.

Non vedo su quale altro aspetto organizzativo e logistico potremmo agire:
– l’attività didattica all’aperto mi sembra improponibile nella nostra regione, siamo in inverno;
– il distanziamento è già stato messo in pratica in tutte le scuole;
– “qualsiasi modo suggerito dalla vostra esperienza e professionalità”…..ma quale scuola, quale insegnante può avere esperienza di simili situazioni??

Io faccio l’infermiera, la pausa mascherina non ce l’ho se non per bere e mangiare, e non per questo mi sento peggio.
Questo virus ha stravolto la quotidianità di tutti, non si può pensare ad una scuola “normale”.
Quello di cui i nostri figli hanno più bisogno, soprattutto alle elementari, è di continuare a frequentare la scuola, di mantenere i contatti con i compagni e gli insegnanti, e se per fare questo dovranno tenere le mascherine, ben vengano.

Temo che questo sarà solo l’inizio di una serie di proteste, vedo già arrivare la diffidenza verso il vaccino … ma come al solito saranno i genitori sciagurati ed incoscienti che esporranno i loro figli a questo rischio. Gli altri, nel dubbio, preferiranno il Covid, tutto fa anticorpi

Chiara Haudemand

Iscriviti alla nostra newsletter

* indicates required

Non daremo mai i tuoi dati a terzi e ti promettiamo che non ti disturberemo inutilmente e che non ti faremo mai perdere tempo.


Puoi cancellarti in ogni momento da questa lista, cliccando nel link che trovi al fondo di ogni mail che ti inviamo. Per avere tutte le informazioni a proposito della nostra "policy" in termini di privacy, puoi andare sul nostro sito www.aostasera.it

Usiamo Mailchimp come piattaforma di marketing: significa che è lo strumento con cui ti mandiamo le mail. Cliccando qui sotto su "Mi iscrivo", confermi di essere al corrente del fatto che gestiremo le informazioni che ci hai lasciato qui attraverso Mailchimp. Se voi scoprire di più sulla Privacy Policy di Mailchimp, clicca qui

6 commenti su ““Il virus ha stravolto la quotidianità di tutti, non si può pensare ad una scuola “normale”””

  • Ileana Sannia says:

    Brava Chiara, finalmente un pò di buon senso in mezzo al dilagare dei luoghi comuni e stereotipati di altri genitori incattiviti e poco informati, che spesso danno fiato alle trombe solo per il semplice gusto di protestare per questione di principio! No mask, no vax, no brain!

  • ELISA BONIN says:

    Condivido Chiara.
    Siamo un paese in cui viene celebrata l’ignoranza e tuti si sentono in diritto di dire la propria. Quando ” la propria”, davanti alle evidenze scientifiche non dovrebbe esistere.
    Buon lavoro e grazie ancora. Mi sento meno sola a questo mondo sapendo che c’ è ancora qualcuno che usa la ragione.

  • Ma certo, però prima di ricominciare a vivere, bisognerebbe iniziare a non morire. Io indosso ffp2 ed a volte ffp3 per 12 ore al giorno e sinceramente mi sento offeso da chi continua a professare fake ignoranti. Come si sentiranno offesi i 6 figli e la moglie del collega appena morto a causa di un vairus che non esiste.

  • Penso che ci sia un giusto mezzo cara Eleonora, ma non sta a me stabilire quale sia e forse neanche a lei. Io mi sono solo limitato a portare l’esempio di molti sanitari, categoria a cui appartengo, sperando di essere solidale con la collega Chiara.

Commenta questo articolo