Stazione di Donnas: “quel cartello era una provocazione”

Pubblichiamo la risposta di Massimo Bottan in merito al cartello appeso che invita i viaggiatori a buttare i mozziconi di sigarette nei binari. Nella risposta Bottan sottolinea anche come "la stazione di Donnas sia una delle poche pulite".
I lettori di Aostasera

Buongiorno,

Le scrivo a proposito del'articolo pubblicato dal vostro giornale "AostaSera" il giorno 9 dicembre scorso e più precisamente sul "curioso" cartello affisso alla stazione di Donnas.
Io abito sopra l'edificio ferroviario da circa 15 anni. Il cartello è stata una mia provocazione in quanto, stufo di trovare ogni mattina parecchi mozziconi sul marciapiede, nonostante ci sia un cestino per i rifiuti, invitavo i viaggiatori a buttare la sporcizia in un posto meno visibile.
Condivido con Lei che sporcare i binari non sia di buon esempio per nessuno, ma davanti alla maleducazione ed alla totale mancanza di senso civico di alcune persone purtroppo, alla fine, si arriva a scritte di questo tipo.
Mi dispiace però che il vostro lettore si sia soffermato a fotografare il cartello e non abbia notato che Donnas è l'unica stazione della linea Chivasso-Aosta ancora pulita ed in ordine sia nella sala d'aspetto che nei marciapiedi e praticelli esterni. Lo scrivente dedica gratuitamente molto del suo tempo libero alla cura e pulizia di tutta l'area ferroviaria, ma finora nessuno ha mai pensato di inviare ad un giornale una testimoniare per gli sforzi fatti quotidianamente.

Cordialmente
Massimo Bottan

Vuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità di Aosta Sera? Iscriviti alla nostra newsletter.

Articoli Correlati

I lettori di Aostasera
Altro, I lettori di Aostasera