Insegnare ai figli l’importanza del risparmio

"Insegnare ai figli il modo in cui il denaro può essere guadagnato, speso, risparmiato o donato credo che abbia la stessa importanza di insegnare a leggere o ad andare in bicicletta".
Salvadanio - Foto Pixabay
Soldi a parte

Ci sono cose che per l’uomo sono naturali, una di queste è correre.

Correre è naturale.

L’uomo corre da quando è su questa terra. Forse adesso ha perso l’abitudine però l’atto della corsa è una cosa sicuramente innata.

L’ho visto io con mio figlio, appena ha potuto ha iniziato a correre senza che nessuno glielo insegnasse. A dicembre compirà 4 anni, il che significa che inizierà anche la sua autonomia finanziaria e saranno tutti…fatti suoi.

Non proprio, suvvia, spero di avvicinarlo al valore del risparmio perché a differenza della corsa, il risparmio non è affatto un gesto naturale.

Insegnare ai figli il modo in cui il denaro può essere guadagnato, speso, risparmiato o donato credo che abbia la stessa importanza di insegnare a leggere o ad andare in bicicletta.

I ragazzi devono sapere che il denaro non è né bello né brutto, né buono né cattivo, è solo un mezzo di scambio.

Risparmiare è un processo che va costruito in famiglia, a scuola e poi per tutta la vita.

Purtroppo non è così.

Le famiglie si trovano ad affrontare 3 grandi problemi:

  • Creare scarsità – differire gli acquisti
  • Parlare di soldi è ancora un tabù
  • Il 75% degli adulti è finanziariamente analfabeta anche se sovrastimano le proprie conoscenze ( effetto Dunning Kruger) .

La scuola non è messa meglio, non esiste in nessun istituto un programma scolastico che affronti questi temi.

Quindi, la responsabilità ricade sui genitori i quali ricoprono ancora una volta un ruolo fondamentale.

Insegnare ai figli l’importanza del risparmio, la differenza tra bisogni e desideri non è un compito facile però sarà una delle lezioni di vita più gratificanti che possiamo fare. Lo sforzo iniziale richiesto sarà importante ma i benefici che ne deriveranno saranno infiniti.

Non possiamo pretendere che i figli imparino da soli i meccanismi, anche psicologici, che ruotano attorno al denaro.

Il denaro deve essere un alleato nella vita dei nostri figli, non un nemico da cui dipendere; se utilizzato in modo sbagliato o concepito come un fine e non come un mezzo può essere molto pericoloso.

L’obiettivo delle famiglie deve essere quello di aiutare i figli a raggiungere l’autonomia finanziaria attraverso l’uso della “paghetta”.

Questo strumento serve ad assumersi le proprie responsabilità e ad imparare ad essere previdenti nei confronti del futuro ma, deve avere regole ben precise:

  • Stessa cadenza settimanale o mensile: scegliete un giorno e rispettatelo
  • Stesso importo: non troppo e non troppo poco
  • Nessuna aggiunta gratuita: vietate le mazzette sottobanco
  • Non interrompere mai: dovete creare un’abitudine
  • Integrazioni: solo per piccoli lavori domestici o per premiare voti alti a scuola

Per capire come e quando avvicinare i figli al mondo del risparmio ho individuato queste 3 fasi:

  1. età prescolare e scuole elementari
  2. scuole medie
  3. scuole superiori
risparmi e figli
risparmi e figli


Fase 1 –  età prescolare e scuole elementari

Obiettivo: insegnare il valore dell’attesa

L’alfabetizzazione finanziaria deve iniziare in giovanissima età basta che non sfoci nella noia più totale.

Il denaro deve essere un gioco, insegnando ai figli a riconoscere le diverse monete, accumularle in un barattolo possibilmente trasparente in modo tale che il bambino possa vedere crescere i propri risparmi.

In un secondo momento si può introdurre la classica “paghetta settimanale” di un importo che verrà stabilito dai genitori in base a vari fattori. Il bambino inizierà a prendere confidenza con il primo principio del risparmio: quello che non può comprare in una settimana di paghetta lo potrà fare accantonando altre due o tre paghette settimanali.

Figli e risparmi
Figli e risparmi


Fase 2 – scuole medie

Obiettivo: il valore del risparmio

La paghetta settimanale può essere aumentata perché aumentano i bisogni dei bambini con l’età. Introducete, insieme ai figli, un secondo barattolo che sarà destinato ai risparmi. Il primo barattolo servirà a soddisfare i bisogni più immediati, quelli fondamentali. Il secondo servirà ad accumulare i risparmi che saranno spesi nel medio termine ( 4 o 5 mesi anche un anno ) per acquisti più onerosi.

IMPORTANTE: lasciate i vostri figli liberi di sbagliare. Se spendono tutto il primo giorno che ricevono la paghetta non rimproverateli, impareranno a gestirsi da soli.

 

Fase 3 – scuole superiori

Obiettivo: insegnare il valore dell’investimento e del lungo termine

La paghetta può essere più sostanziosa ma, dovrà essere mensile. In questo modo renderete i figli più responsabili.

Introducete un terzo barattolo in cui finiranno i risparmi destinati a spese di lungo termine. I risparmi in questo barattolo dovranno essere incentivati con degli interessi mensili. Se vostro figlio decidesse di accantonare 10 € al mese in questo barattolo voi genitori aggiungete il 10% ( 1 euro ). Il mese successivo saranno così 21 €  e aggiungendo un ulteriore 10% ( 2,1 € ) diventeranno 23,10 euro.

I ragazzi in questo modo impareranno a sacrificare parte dei loro risparmi per acquisti futuri. Un ulteriore barattolo può essere aggiunto per la quota di risparmi che possono essere destinati al dono, alla solidarietà. Aiutate i figli a definire le priorità ma lasciateli liberi di scegliere le loro.

In quest’ultima fase diventa opportuno coinvolgere i figli nelle vostre scelte finanziarie passate. Se negli anni precedenti avete costruito dei piani di accumulo, per i loro studi universitari , ora è l’occasione giusta per metterli al corrente.

Sottoscrivete insieme a loro un fondo pensione per aiutarli in un obiettivo di lunghissimo termine. Ricordate che i nostri figli inizieranno sempre più tardi a lavorare e i contributi ai fini pensionistici scarseggeranno. Prima inizieranno a contribuire ad un loro fondo per la pensione e meglio sarà.

Rendeteli partecipi, sdoganate quella visione antica e becera dei soldi brutti e sporchi. Le nuove generazioni sono inclini a ricevere consigli, buoni consigli.

Raccontate loro la fatica che avete fatto per metterli da parte. Insegnate loro la giusta importanza del risparmio e ve ne saranno grati per sempre. Crescerete così adulti parsimoniosi che in un mondo alla costante ricerca di un falso bisogno non è affatto poco.

Se ti interessano questi argomenti, ogni settimana scrivo articoli e email riservate ai miei clienti che ho deciso di estendere anche ai lettori di AostaSera. Se vuoi riceverli visita la mia pagina dedicata.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This site is protected by reCAPTCHA and the Google Privacy Policy and Terms of Service apply.

Vuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità di Aosta Sera? Iscriviti alla nostra newsletter.

Articoli Correlati

Soldi a parte
Soldi a parte
Soldi a parte