Il 2022 è stato l’anno più caldo dal 1961 secondo il Rapporto Snpa

Plateau Rosa ad agosto 2022

Il dato emerge dal Rapporto “Clima Italia” 2022 del Sistema nazionale protezione ambiente. Nella parte dedicata alla nostra regione ha contribuito Arpa VdA, che spiega come “in diverse occasioni è stato raggiunto il minimo storico dall’inizio delle misurazioni” della neve.

Per i ghiacciai alpini il 2022 è l’anno peggiore di sempre

Il ghiacciaio di Timorion

A comunicarlo è stata l’Arpa della Valle d’Aosta, identificando per conto della Regione i 9 principali settori ambientali e socioeconomici che subiscono gli effetti del cambiamento climatico e andando così a definire le azioni da intraprendere per ridurne gli impatti.

A febbraio la qualità dell’aria in Valle è migliorata

La piana di Aosta fotografata il 26 febbraio 2022 da Sandro Bonin

Nel suo report l’Arpa Valle d’Aosta spiega che la qualità dell’aria nel mese di scorso “è stata complessivamente buona”. Le temperature miti e l’assenza di precipitazioni sono state compensate da diversi giorni nei quali il vento ha “ripulito” l’aria abbassando i valori di concentrazione degli inquinanti.

I cambiamenti climatici? Necessario prepararsi alla difesa ma anche all’adattamento

Ghiacciaio di Planpincieux

Il dato è emerso durante la presentazione di due studi condotti da Arpa, Fondazione CIMA, Fondazione Montagna Sicura e dal Dipartimento Ambiente della Regione. In prospettiva futura, si vedrà una Valle d’Aosta divisa in due per le precipitazioni, mentre preoccupano i ghiacciai: ogni anno sparisce l’equivalente del centro di Aosta.

Fai già parte
della community di Aostasera?

oppure scopri come farne parte