Al Conservatorio un concerto/conferenza contro la violenza sulle donne

In occasione della giornata internazionale contro la violenza sulle donne, venerdì 25 novembre, il Conservatorio organizza il concerto/conferenza “Povera donna: sola, abbandonata… Eroine femminili vittime di violenza”. Appuntamento alle 17.30, all’Auditorium della Torre dei Balivi
Conservatoire de la Vallée dAosta Inaugurazione anno accademico

Unire il tema della violenza contro le donne alla cultura è ormai un abbinamento ben conosciuto ed efficace. Ci ha pensato anche il Conservatorio della Valle d’Aosta che, in occasione della giornata internazionale contro la violenza sulle donne venerdì 25 novembre, organizza il concerto/intervento “Povera donna: sola, abbandonata… Eroine femminili vittime di violenza”. Appuntamento alle 17.30, all’Auditorium Callisto Arnod della Torre dei Balivi, per un dialogo sul tema abbinato all’accompagnamento musicale della classe di canto.

Cheng Ruman, Christel Marcoz e Mary Ollearo (con l’accompagnamento al pianoforte di Ferdinand Sexauer) eseguiranno arie operistiche tratte da La traviata di Giuseppe Verdi, Carmen di Georges Bizet, La Wally di Alfredo Catalani, Turandot di Giacomo Puccini e Le nozze di Figaro di Wolfgang Amadeus Mozart. Tutti i brani sono legati al tema della violenza contro le donne, in modo da accompagnare la discussione. Gli esperti contestualizzeranno il tema nell’attualità e presenteranno i servizi attivi sul territorio per contrastare la violenza di genere.

Durante la conferenza interverranno: Marinella Tarenghi (direttrice del Conservatoire de la Vallée d’Aoste), Katya Foletto (consigliera di parità della Regione Valle d’Aosta), Anna Castiglion (presidente CUG Azienda USL Valle d’Aosta), Tiziana Cattalani (Centro donne contro la violenza di Aosta), Valentina Tonelli (coordinatrice del servizio Arcolaio di Aosta), Nadia Malacarne (referente progetto “Non solo Arcolaio”), David Catani (referente del progetto L’Anello Forte per Noi e gli Altri di Aosta), Micaela Arcari, Rossana Ricagno e Marco Scarnera del gruppo di educazione alla pace “il ponte d’Irene – Laboratori di reciprocità tra femminile e maschile” di Torino. Presenterà il docente del Conservatoire de la Vallée d’Aoste, Marco Ricagno.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito è protetto da reCAPTCHA e da Googlepolitica sulla riservatezza ETermini di servizio fare domanda a.

Il periodo di verifica reCAPTCHA è scaduto. Ricaricare la pagina.

Vuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità di Aosta Sera? Iscriviti alla nostra newsletter.

Fai già parte
della community di Aostasera?

oppure scopri come farne parte