Giornata nazionale dell’afasia: solidarietà e musicoterapia

Sabato 15 ottobre, il Castello di Aymavilles si illumina di viola come gesto di solidarietà grazie all'iniziativa di A.L.I.Ce. Valle d’Aosta Odv che ha organizzato anche il coro “AliAli” per persone affette da afasia. Gli incontri si tengono tutti i martedì dalle ore 16:45 alle 17:45.
Castello di Aymavilles - Facciamo luce sulla fibromialgia

In occasione della Giornata nazionale dell’Afasia, che si celebra in tutta Italia il prossimo sabato 15 ottobre, il Castello di Aymavilles si illumina di viola come gesto di solidarietà e sensibilizzazione, per iniziativa di A.L.I.Ce. Valle d’Aosta Odv, l’associazione per la lotta all’Ictus Cerebrale. L’afasia è un disturbo del linguaggio che colpisce circa il 30% dei pazienti (ricoverati per ictus) ed è causato da lesioni in particolari aree della corteccia cerebrale dell’emisfero dominante (prevalentemente il sinistro), sede della funzione del linguaggio. A.L.I.Ce. si occupa da anni di informare e sensibilizzare la popolazione non solo sulla prevenzione di questa patologia ma anche sul post ictus e, quindi, sulle conseguenze che questo comporta.

Ogni anno nella nostra Regione si verificano circa 200 nuovi casi di ictus. Intervenire precocemente è fondamentale: per farlo è necessario chiamare immediatamente il 112 in modo da poter arrivare velocemente in Ospedale. In questo modo è possibile ridurre il rischio di mortalità ma soprattutto gli esiti di disabilità, spesso invalidanti, causati da questa malattia. L’ictus è una patologia tempo-dipendente: i risultati finali della terapia dipendono, infatti, dalla precocità con cui si interviene.

Nei casi di afasia, a fare la differenza, è l’approccio riabilitativo incentrato non solo sul paziente, ma anche sulla famiglia e la comunità circostante in modo da fornire a tutt* gli strumenti adeguati alla comunicazione. A guidare questa terapia è il logopedista, una figura chiave per le persone affette da afasia, soprattutto per il lavoro che svolgono nei primi 12 mesi dopo l’ictus. Un altro tipo di terapia che si sta rivelando molto efficace in questi casi è la musicoterapia che contribuisce ad attivare canali diversi da quelli verbali generalmente utilizzati dando al paziente l’opportunità di lasciarsi andare attraverso il canto.

Per questo motivo e grazie ai Tamtando, A.L.I.Ce. Valle d’Aosta assieme all’Associazione Parkinson Valle d’Aosta, hanno dato vita al Coro “AliAli”: sono circa una ventina le persone che, con incontri di gruppo settimanali, si riuniscono per esercitarsi e soprattutto per favorire la socializzazione e il benessere psicofisico. Gli incontri si svolgono tutti i martedì dalle ore 16:45 alle 17:45 nella sede dei Tamtando in località Amerique 187 a Quart e sono gratuiti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

This site is protected by reCAPTCHA and the Google Privacy Policy and Terms of Service apply.

Vuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità di Aosta Sera? Iscriviti alla nostra newsletter.

Fai già parte
della community di Aostasera?

oppure scopri come farne parte