La giornalista Francesca Mannocchi ad Aosta per parlare di conflitti e migrazione

Nell'ambito della Saison Culturelle Letteratura, il fotoreporter Ugo Lucio Borga intervista Francesca Mannocchi, scrittrice, giornalista e inviata di guerra che da anni si occupa di conflitti e migrazione.
FRANCESCA MANNOCCHI

Francesca Mannocchi, giornalista e scrittrice che da anni si occupa di conflitti in Medio Oriente, sarà ospite della Saison Culturelle Letteratura, sabato 3 dicembre, per spiegare come “Raccontare degli altri”. L’appuntamento è alle 18 al Teatro Splendor con il fotoreporter Ugo Lucio Borga che intervisterà la giornalista romana che attualmente scrive per l’Espresso e collabora con numerose testate italiane e internazionali. Volto noto al pubblico di La7 e non solo, Francesca Manocchi è anche una delle inviate di guerra più stimate per il suo racconto coraggioso da diverse zone di conflitto e lo è diventata ancor di più nel 2022 dallo scoppio del conflitto in Ucraina.

Ha realizzato reportage in Siria, Iraq, Pa- lestina, Libia, Libano, Afghanistan, Egitto, Turchia, Ucraina, Yemen. Ha ricevuto il Premiolino per il giornalismo nel 2016, il Premio Ischia per il giornalismo e il Premio Giustolisi per l’inchiesta sul traffico di migranti e sulle carceri libiche. Nel 2018 il documentario “Isis, Tomorrow. The Lost Souls of Mosul”, diretto con il fotografo Alessio Romenzi, è stato presentato alla 75° edizione del Festival Internazionale del Cinema di Venezia.

Fra i suoi libri: “Porti ciascuno la sua colpa” (Laterza, 2019), “Libia” con l’illustratore Gian- luca Costantini (ink Mondadori, 2020), “Io Khaled vendo uomini e sono innocente(Ei- naudi, 2019) e “Bianco è il colore del danno” (Einaudi, 2021) in cui racconta il momento in cui le è stata diagnosticata la sclerosi multipla e le conseguenze che ha dovuto affrontare. Di recente con Mondadori ha pubblicato “Lo sguardo oltre il confine” in cui snoda l’intricata materia dei conflitti di oggi ai confini con l’Europa, dall’Ucraina all’Afghanistan e guida i ragazzi alla comprensione del presente.

L’ingresso all’evento è gratuito e libero fino ad esaurimento posti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

This site is protected by reCAPTCHA and the Google Privacy Policy and Terms of Service apply.

Vuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità di Aosta Sera? Iscriviti alla nostra newsletter.

Fai già parte
della community di Aostasera?

oppure scopri come farne parte