A Charvensod torna Boudza-té per la quinta edizione

Il progetto che "premia" chi si reca a lavoro (o a scuola) a piedi o in bicicletta torna con alcune novità: può aderire anche chi lavora a Charvensod pur essendo residente in altri comuni valdostani.
Pista ciclabile - bici - bicicletta - mobilità sostenibile
Ambiente

Il progetto Boudza-té, che “premia” chi si reca a lavoro (o a scuola) a piedi o in bicicletta, era nato a Charvensod nel 2019 e ora riparte per la sua quinta edizione con alcune novità.

Le iscrizioni al progetto sono aperte dal 15 marzo al 31 marzo, mentre Boudza-té sarà attivo dal 1° aprile al 31 ottobre. In base alla tipologia di spostamento (bicicletta elettrica o muscolare, o a piedi) variano gli incentivi, che vanno da un minimo di 18 centesimi ad un massimo di 25 centesimi per ogni chilometro percorso per recarsi a lavoro (o a scuola per gli studenti dai 14 anni in su) e per rientrare. Al termine del progetto, gli incentivi verranno convertiti in buoni acquisto da spendere nelle attività del territorio comunale che hanno aderito al progetto. Il regolamento e il modulo per la partecipazione sono disponibili sul sito internet del Comune.

boudza te
boudza-té

Ad illustrare le novità, il sindaco di Charvensod Ronny Borbey: “Prosegue la nostra attività per sviluppare, sempre di più, l’abitudine ad una mobilità alternativa e sostenibile. Per la quinta edizione del progetto incentiveremo anche i lavoratori che, residenti in Valle d’Aosta, raggiungono Charvensod per lavoro”, spiega. “Vogliamo provare a rendere Charvensod ancora più verde favorendo l’utilizzo della bicicletta, dei mezzi pubblici, del car sharing (una postazione è già attiva a Pont-Suaz) per condividere l’utilizzo dell’auto e, per i più volenterosi, anche incentivando l’uso delle gambe e dei piedi come valida alternativa di trasporto con indubbi benefici anche per la salute”. Un incentivo alla salute di tutti che passa anche attraverso i social: “Visto che viviamo in un tempo in cui i social sono, spesso, il ritrovo dei leoni da tastiera, che li usano come valvola di sfogo legata allo stress di una vita forse troppo sedentaria o vuota, proviamo invece a generare un circolo virtuoso utilizzandoli come strumento positivo di condivisione di buone pratiche: invitiamo quindi chi utilizza la mobilità alternativa a postare le foto dei suoi spostamenti con l’hashtag #boudzate, perché gli esempi positivi contribuiscono a crescere”, conclude Borbey.

“Siamo orgogliosi di essere stati i primi a credere in questo progetto, ora diventato, per molti, prassi quotidiana”, afferma il vicesindaco con delega all’ecosostenibilità Laurent Chuc. “Proseguire a spostarsi in maniera alternativa e sostenibile, indipendentemente dall’incentivo, era l’obiettivo forse più grande e crediamo di averlo raggiunto”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito è protetto da reCAPTCHA e da Googlepolitica sulla riservatezza ETermini di servizio fare domanda a.

The reCAPTCHA verification period has expired. Please reload the page.

Vuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità di Aosta Sera? Iscriviti alla nostra newsletter.

Articoli Correlati

Fai già parte
della community di Aostasera?

oppure scopri come farne parte