Dal 1° marzo inizia anche in Valle d’Aosta la raccolta dei rifiuti tessili

Abbigliamento usato, calzature, tessuti per la casa, borse e giocattoli in tessuto andranno inseriti, in buste ben chiuse, negli appositi contenitori azzurri.  Sarà sempre possibile donare alla Caritas, presso le sedi dell'Associazione o tramite parrocchie e oratori.
Isola ecologica Montfleury
Ambiente

Dal 1° gennaio 2022 è obbligatoria in Italia la raccolta dei rifiuti tessili. In Valle d’Aosta il conferimento presso i 14 ecocentri presenti sul territorio prenderà il via dal 1° marzo. Abbigliamento usato, calzature, tessuti per la casa, borse e giocattoli in tessuto andranno inseriti, in buste ben chiuse, negli appositi contenitori azzurri. 

Il ritiro di questi rifiuti sarà garantito dalla I.T.R. – Italian Textile Recycling che sottolinea di non conferire solamente abiti e tessuti sporchi di grasso o di vernice o bagnati e contaminati da muffe e tutti gli oggetti di grandi dimensioni, tipo valigie.

Con l’introduzione della raccolta del tessile, spariranno i contenitori stradali della Caritas. Sarà comunque sempre possibile donare gli indumenti in buono stato direttamente presso le sedi dell’Associazione o presso le parrocchie e gli oratori valdostani.

“Enval si occupa della gestione dei rifiuti indifferenziati e differenziati provenienti dalle raccolte della Regione Valle d’Aosta. La raccolta differenziata dei rifiuti tessili, in vigore dal primo gennaio 2022, ci aiuterà a favorire il riciclo e il riutilizzo di tale materiale e pertanto di ridurre gli impatti causati dal comparto sull’ambiente – dichiara l’Ing. Matteo Millevolte, Direttore Tecnico di EnVal – La raccolta separata dei tessili consente infatti di diminuire i rifiuti inviati in discarica (stracci, tessuti, tende, ecc.) che ad oggi si trovavano nel rifiuto indifferenziato, e risulta essere il primo passo per sviluppare buone pratiche di riuso recupero e riciclo dei tessuti, aumentando le percentuali di raccolta differenziata e contribuendo a raggiungere gli ambizioni obiettivi di riciclo dettati dall’Ue”.

Gli ecocentri o centri di conferimento della Valle d’Aosta

SUBATO A GRAND PARADIS
Cogne –  località Cretaz, Villeneuve –  località Chavonne, Sarre – località la Remise

SUBATO A VALDIGNE
Courmayeur –  strada Larzey, Morgex – viale Lungo Dora, La Thuile – località Villaret

SUBATO B EMILIUS
Brissogne –  località Le Clapey, Gressan – località Palues e Pila Jovencan –  località Blitay
Nus –  svincolo autostradale, Pollein –  località Saint Benin, Saint-Christophe – località Seni, Saint- Marcel località Lillaz

AOSTA
Località Montfleury e via Caduti del Lavoro, 11

MONT-ROSE
Hone – località Saint Grat, 18
Pont-Saint-Martin  via Cascine

WALSER
Issime – località Pian
Gressoney-Saint -Jean – località Trino

SUBATO D EVANCON MONT CERVIN
Ayas –  località Corbet Brusson – località Praè Challand –  località Tilly, Chatillon –  località Stazione, Pontey –  s.s. 26
Verrès –  via Dora Baltea Valtournenche – località Ussin Montjovet – località Oley

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

This site is protected by reCAPTCHA and the Google Privacy Policy and Terms of Service apply.

Vuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità di Aosta Sera? Iscriviti alla nostra newsletter.

Articoli Correlati

Ambiente